Atalanta, momento di calo per la squadra di Gasperini

Torino, arriva un’Atalanta in flessione: due ko di fila per i nerazzurri

di Andrea Flora - 21 Gennaio 2020

L’Atalanta è in un momento di calo dal punto di vista dei risultati e delle prestazioni: la sconfitta in casa con la Spal lo dimostra

Arriva la seconda sconfitta consecutiva per l’Atalanta: dopo il ko in trasferta a Firenze, negli ottavi di finale della Coppa Italia, i nerazzurri cadono in casa per mano dell’ultima in classifica Spal (che grazie ai 3 punti di Bergamo lascia l’ultimo posto al Genoa). Sconfitta di misura (2-1) per la squadra di Gasperini che non riesce quindi ad agganciare al quarto posto la Roma con 38 punti. L’Atalanta sta dunque vivendo il suo momento di calo fisiologico dopo essere andata spedita come un treno e dopo aver vissuto anche l’emozione dell’esordio storico in Champions League e l’accesso – altrettanto storico – agli ottavi di finale dove a febbraio incontreranno il Valencia. Un momento non positivo che può fare comodo al Torino.

Atalanta, quasi un mese senza vittorie

La squadra di Gasperini ha esaltato addetti ai lavori e tifosi per la qualità del gioco espressa in campo nel corso del campionato e appunto nei gironi della Champions League. Una macchina da gol che sembrava rasentare la perferzione soprattutto appena tornati dalla pausa natalizia dove con un perentoneo 5-0 schiantò il Parma al Gewiss Stadium. L’esatto risultato con cui aveva chiuso il 2019, sempre a Bergamo, ma contro i rossoneri del Milan di Stefano Pioli. 10 gol in due partite che facevano pensare ad una corazzata impenetrabile in difesa e con una potenza di fuoco in attacco da stendere chiunque. Anche lo scontro diretto contro l’Inter a San Siro fu un’altra ottima prova: 1-1 in rimonta con vittoria sfiorata nel finale. Il giocattolo perfetto di Gasperini sembra essersi rotto a Firenze, eliminati dalla Coppa Italia per 2-1 dai viola di Iachini, e poi il ko con la Spal in campionato.

Atalanta attiva nel mercato di gennaio con Caldara

In questa sessione di mercato da Bergamo è molto difficile veder partire qualcuno vista la qualità della rosa dell’Atalanta e visti gli obiettivi e le partite che i nerazzurri andranno ad affrontare da qui al termine della stagione. Gasperini inoltre ha da poco riabbracciato uno dei “frutti” del settore giovanile atalantino: Mattia Caldara, che dopo esser passato da Torino (sponda Juve), poi Milano (sponda Milan), ritorna a Bergamo dopo inoltre un lungo infortunio che ne ha compromesso l’inizio del campionato. Gasperini ha subito utilizzato il 25enne contro la Spal: un esordio non fortunatissimo. Alcune uscite comunque ci sono state: Barrow al Bologna – fu anche obiettivo del Torino – e Simon Kjaer al Milan.

più nuovi più vecchi
Notificami
odix77
Utente
odix77

ohhhhhh quellaè la nostra condizione perfetta…. far segnare chi nonha mai segnatoin A, o chi non segna da una vita, e far vincere chi non vince da un pò, quindi direi che l’atalanta può stare davvero tranquilla….

mas63simo
Utente
mas63simo

😂😂😂è vero che periodaccio per l Atalanta non vorrei essere al suo posto 🤥🤥🤥🤥

Casao92
Utente
Casao92

Chiama 35 punti e’ 5a in classifica e agli ottavi di Champions.

mas63simo
Utente
mas63simo

Infatti il mio post era ironico forse non s’è capito !

Casao92
Utente
Casao92

Avevo capito che era ironico.Buon pomeriggio.

tore110
Utente
tore110

Dopo l’articolo sul fatto che a Sassuolo non avevamo “Mai” perso arriva puntuale l’articolo che sottolinea la “ flessione “ dei bergamaschi .