D'Aversa su Torino-Parma: l'intervista dell'allenatore dei gialloblù

D’Aversa: “Toro-Parma? Loro ci tengono, noi puntiamo a…”

di Veronica Guariso - 8 Giugno 2020

Le parole di Roberto D’Aversa, tecnico del Parma, prima avversaria del Toro nella ripresa della Serie A, sul coronavirus ed il ritorno in campo

Manca sempre meno al ritorno della Serie A e ad aprire le danze sarà proprio la sfida tra Torino e Parma, in programma per il 20 giugno alle 19.30. Il tecnico gialloblu Roberto D’Aversa, nell’intervista a Parma Today, ha espresso la sua sul calendario che aspetta i suoi e sul Torino: “Ho sensazioni positive perché, visto il periodo dal quale stiamo rientrando, poter nuovamente allenarsi e poter ricominciare a parlare di campionato rende tutto positivo. Le partite sono tutte difficili. Partiamo dalla trasferta di Torino, una gara alla quale loro tengono tanto e che noi dovremo affrontare con la massima concentrazione e determinazione perché abbiamo un obiettivo ancora da raggiungere. Dobbiamo raggiungerlo aritmeticamente e, per farlo, dobbiamo tornare a casa con un risultato positivo“.

D’Aversa: “Abbiamo lavorato più su noi stessi, lavori generici”

Il tecnico alla guida del Parma, pronto alla sfida col Toro, ha poi parlato del ritorno graduale agli allenamenti e del lavoro svolto in quarantena: “Abbiamo lavorato più su noi stessi, lavori generici. Ora sappiamo con chi si gioca e piano piano andremo sullo specifico dell’avversario. Veniamo da una situazione totalmente diversa rispetto al passato, non sono i classici 20-30 giorni prima del ritiro estivo durante i quali comunque si fa attività, ma due mesi chiusi in casa. In questo momento ho preferito farli riadattare piano piano al campo, agli allenamenti e a tutto il resto. Dalla prossima settimana inizierò a caricare anche sotto l’aspetto mentale“.

Discorsi motivazionali? Non ancora, vedremo se li farò… . Sicuramente ci saranno delle situazioni in cui la squadra non credo abbia bisogno di essere motivata: mancano 13 partite, dobbiamo ancora raggiungere il nostro obiettivo ed ognuno di noi credo voglia far meglio dello scorso anno, memori appunto dell’esperienza della passata stagione. Per adesso la salvezza è l’unico obiettivo. Nel momento in cui ci sarà a livello aritmetico, vedremo.“, ha poi continuato D’Aversa.

D’Aversa sul Parma: “Condizione fisica non al top”

Ancora D’Aversa: “É chiaro che la condizione fisica non sarà come quella delle ultime giornate di campionato, ci sarà meno intensità. Poi bisognerà capire se giocando ogni tre giorni ci sarà la possibilità di cambiare calciatori o se giocheranno sempre gli stessi. Lì bisognerà saper gestire, sia in base alle proprie energie e forze sia in base alle caratteristiche della squadra avversaria. Il calcio ormai è fatto da etichette che non mi trovano d’accordo, ma ragionando su alcune partite penso che a Torino abbiamo finito la gara nella loro metà campo

E sui singoli: “Bruno Alves è un professionista serio, lavora duro, cura i dettagli, l’alimentazione: sta bene. Gervinho ha iniziato ad allenarsi piano piano con la squadra, ha delle doti innate a livello fisico. Sepe si sta allenando con continuità e mi fa piacere, avrà bisogno di queste due settimane per arrivare ad una condizione ottimale però sotto l’aspetto mentale e fisico sta bene. Kucka è partito veramente forte, ha avuto un piccolo problema ma nulla di particolare. Kulusevski è arrivato molto carico, secondo me con l’obiettivo di fare un finale di stagione come ha fatto quasi sempre nel girone d’andata prima che arrivasse un problema fisico a frenarlo“.

Roberto D’Aversa, head coach of Parma Calcio, looks on prior to the Serie A football match between Parma Calcio and Torino FC. Parma Calcio won 3-2 over Torino FC.