Serie A, stipendi dei calciatori: per la riduzione c'è l'accordo tra le società

Serie A, c’è l’accordo per il taglio degli stipendi: ora serve il sì dei calciatori

di Veronica Guariso - 6 Aprile 2020

Il taglio degli stipendi dei calciatori sarà di 1/3 nel caso il campionato non dovesse riprendere, di 1/6 se invece si tornerà a giocare

Le varie società di serie A hanno trovato l’accordo per il taglio degli stipendi dei calciatori: ora è ufficiale. In Lega, nella riunione tenutasi quest’oggi, è stato trovato l’accordo per la riduzione di un terzo degli stipendi dei vari giocatori nel caso in cui il campionato non dovesse riprendere, di un sesto se invece nei prossimi mesi la serie A dovesse riprendere. La decisione è stata comunicata direttamente dalla Lega attraverso una nota sul proprio sito.

Seria A, stipendi dei calciatori tagliato: il comunicato

“In linea con le azioni volte a diminuire il costo lavoro adottate a livello nazionale e internazionale, la Lega Serie A ha deliberato oggi, all’unanimità con esclusione della Juventus che ha già raggiunto un accordo coi propri giocatori, una comune linea di indirizzo per contenere l’importo rappresentato dagli emolumenti di calciatori, allenatori e tesserati delle prime squadre”

“Questo intervento, necessario per salvaguardare il futuro dell’intero sistema calcistico italiano, prevede una riduzione pari a 1/3 della retribuzione totale annua lorda (ovvero 4 mensilità medie onnicomprensive) nel caso non si possa riprendere l’attività sportiva, e una riduzione di 1/6 della retribuzione totale annua lorda (ovvero 2 mensilità medie onnicomprensive) qualora si possano disputare nei prossimi mesi le restanti partite della stagione 2019/2020. Resta inteso che i Club definiranno direttamente gli accordi con i propri tesserati” si legge nel comunicato della Lega serie A.

Stipendi tagliati: ora si attende il sì dell’Aic

Perché il taglio avvenga, secondo quanto concordato dalla Lega, serve però il sì dei calciatori. Il presidente dell’AFC, Damiano Tommasi, dopo essersi consultato con i giocatori, negli scorsi giorni si era detto favorevole a un taglio degli stipendi: ora però dovrà ufficialmente accettare la proposta della Lega perché la riduzione, di 1/3 o di 1/6 a seconda del fatto che si torni a giocare o meno, entri in atto.

Damiano Tommasi
Damiano Tommasi