Coronavirus, Torino: dove allenarsi? Filadelfia, hotel e opzione Novarello

Torino, le opzioni per la ripresa: hotel e Filadelfia o ipotesi Novarello

di Francesco Vittonetto - 18 Aprile 2020

Il Torino deve scegliere dove ripartire: il Filadelfia non ha né foresteria né mensa. Così ci sono due strade: hotel torinese o ritiro a Novarello

Al Filadelfia non ci sono né la mensa né la foresteria nella quale dormirebbero i calciatori, per questo il Torino si sta guardando attorno per organizzare la ripresa degli allenamenti. Il protocollo della Figc con le linee guida per fronteggiare i rischi del coronavirus, che in giornata sarà trasmesso al Governo, prevede che dal 4 maggio in poi – ma sulla data manca l’ultima parola di commissione tecnico-scientifica e Palazzo Chigi – le squadre di Serie A possano cominciare i ritiri blindati di tre settimane che condurranno alla ripresa del campionato. “Il luogo per l’allenamento deve essere ovviamente sanificato (intendendo per luogo sia il Centro Sportivo sia le palestre, gli spogliatoi e gli alberghi qualora i club non abbiano una propria sede per il ritiro)”: questo disponeva la nota della Federcalcio, di fatto anticipando le due possibilità che ora sono al vaglio della dirigenza granata.

La commissione medica Figc: linee guida e ipotesi per il Torino

Restare al Filadelfia – sanificato a dovere – e dormire in un hotel facilmente raggiungibile o cercare un centro sportivo terzo, nel quale allenarsi e riposare senza rischiosi spostamenti. Di questo stanno ragionando i vertici del Torino, da un lato valutando le strutture alberghiere disponibili, dall’altro non disdegnando l’ipotesi Novarello.

Il centro sportivo del Novara permetterebbe indubbiamente un ritiro blindato: lì i calciatori avrebbero a disposizione i campi per preparare la ripresa delle partite e l’adiacente albergo.

A Novarello gli ultimi giorni granata di Mazzarri

Nei fatti il centro potrebbe essere totalmente a disposizione del Toro, qualora venisse confermata la volontà di dar priorità alla Serie A. Gli azzurri padroni di casa, che militano in Serie C, difficilmente torneranno ad allenarsi nelle stesse date dei colleghi della massima serie.

Per Belotti e compagni si tratterebbe di un ritorno. A Novarello, infatti, hanno disputato l’ultimo ritiro con Mazzarri, quando a fine gennaio la squadra era incappata nella crisi di risultati che poi avrebbe condotto al 4-0 di Lecce e all’esonero del tecnico toscano.

Nulla è però ancora deciso. Sono giorni di valutazioni e attese: il mondo del calcio aspetta segnali da Roma, per capire se con l’emergenza coronavirus sarà possibile convivere.