Ivan Juric ha parlato alla vigilia di Verona-Torino: ecco le dichiarazioni del tecnico gialloblu in conferenza stampa

L’allenatore del Verona, Ivan Juric, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della partita contro il Torino, in programma domenica 9 maggio alle 15. Ed è partito commentando la stagione dei suoi: “Penso non si sia capito cosa abbiamo fatto quest’anno, è stato sottovalutato tantissimo. Non si vede quello che stanno passando squadre come il Torino, che appartengono a un’altra dimensione, anche a livello economico. E’ una grandissima soddisfazione: ero incazzato, ma riflettendoci dico che è il mio miglior anno da allenatore in Serie A”.

Su Benassi, Nicola e il contratto con l’Hellas

Juric si è soffermato a parlare del Toro di Nicola: “E’ una di quello che metto tra le inspiegabili. Il valore della rosa è molto alto: da Belotti a Sanabria, hanno preso Mandragora, dietro hanno giocatori forti fisicamente. Hanno tutto, ultimamente stanno dando molto per salvarsi, quindi arriva una squadra che vorrà fare punti. Mi aspetto una partita difficile, perché ultimamente stanno facendo bene, e con Sanabria e Mandragora hanno fatto un salto in avanti”.

Sulla situazione dell’ex granata Benassi, il tecnico scaligero ha commentato: “E’ tornato a curarsi a Firenze e il discorso con l’Hellas si è chiuso. In porta domani giocherà Pandur, è importante vederlo nel contesto della serie A e giocherà anche le partite che restano, per il resto andrà in campo chi vedo meglio”. E sul suo contratto con l’Hellas: “I contratti ci sono da entrambe le parti e sono da rispettare. Poi il lavoro è un’altra roba. Quando firmi lo fai con stima reciproca, poi le cose cambiano. Però quando firmi, firmi: entrambe le parti accettano. Per cui faccio l’impiegato”.

Ivan Juric, head coach of Hellas Verona, reacts during the Serie A football match between Torino FC and Hellas Verona.
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 08-05-2021


Nicola: “Ora serve lo sforzo finale. Belotti nervoso? Perché è ambizioso”

Coppitelli: “E’ merito dei ragazzi. Futuro? Il mio progetto non è di tre mesi…”