Thiago Motta: la conferenza stampa pre partita dell'allenatore del Genoa

Thiago Motta: “Torino squadra forte, dobbiamo essere al massimo per fare una grande partita”

di Andrea Flora - 29 Novembre 2019

La conferenza stampa di Thiago Motta, tecnico del Genoa, alla vigilia della sfida contro il Torino in programma alle 18:30 di sabato

Conferenza stampa della vigilia per Thiago Motta, che ha presentato la sfida di domani sera tra Genoa e Torino. Il mister dei grifoni parte dall’ultima sfida contro la Spal: “Non solo della gara di Ferrara. Da quando sono arrivato tutto quello che vedo in allenamento, i ragazzi lo mettono in partita e sono contento. Questa mentalità da Genoa, la voglia di attaccare e aggredire l’avversario. Secondo me questa è la strada giusta”. Sulla squadra di Mazzarri Motta non si fida del momento negativo: “Il Torino è una squadra forte, dobbiamo essere al massimo per fare una grande partita”. Il Genoa ha giocato lunedì sera e ha avuto meno tempo rispetto al Toro per preparare la partita, ma Thiago Motta non cerca scuse: “L’importante è affrontare la partita come si deve. E’ un giorno interessantissimo per confermare quanto di buono fatto. Poi se giochiamo prima o dopo, conta poco”.

Motta: “Ho ancora un allenamento per decidere chi schierare”

Thiago Motta continua la conferenza parlando dei giocatori che schiererà domani in campo e in che modo il suo Genoa giocherà: “Il Genoa giocherà offesivamente sicuro. Ho ancora un allenamento e deciderò chi mettere in campo”. Su Sturaro: “Fa parte del gruppo. E’ un giocatore che può giocare domani”. Sulla condizione fisica di Favilli invece ecco come lo vede Thiago Motta: “Benissimo. Come tutti gli altri. Vedo che tutti hanno una forma fisica molto buona. Ho tutti i giocatori a disposizione per scegliere i migliori per mettere in campo”. Sul tema realizzativo ecco cosa pensa Motta: “Tranne che nella partita col Napoli abbiamo sempre segnato. Il gol è frutto del gioco. Tutti gli allenatori vogliono ottenere i punti e secondo me tutto passa attraverso il gioco”.

Motta: “Vedo ragazzi felici di scendere in campo e lavorare”

Thiago Motta è arrivato in una squadra che aveva problemi dal punto di vista dei risultati e quindi con l’ambiente decisamente demoralizzato, ecco cosa ne pensa: “Quando non arrivano i risultati possono crearsi dei dubbi ma da quando sono arrivato non ho mai avuto questa sensazione. Io vedo i ragazzi che sono felici di scendere in campo, allenarsi e dare il massimo. Sono felice delle prestazioni fatte fino ad ora e questa è la strada giusta”. Sul cambio del direttore sportivo: “Non è ancora ufficializzato. Io vivo tutti i giorni benissimo perchè con i ragazzi sto bene. Io ho una grande voglia di continuare a lavorare e la cosa più importante sono i miei giocatori in campo”. Tornando sul Torino, Motta elogia il collettivo: “A livello di singoli hanno un gran livello, mi piacciono come collettivo. Affronteremo una squadra forte, dovremo essere noi preparati per tutto quello che può succedere in campo”.

Ecco cosa pensa Motta riguardo ai gol che la sua squadra deve realizzare e chi dovrebbe realizzarli: “I gol li possono fare tutti, anche i portieri nel finale di partita. Se chiedo ai miei ragazzi di difendere, il primo difensore deve essere l’attaccante; se chiedo di attaccare, il primo attaccante deve essere il difensore”. Sugli esclusi di Ferrara e su Shone, ecco come risponde Motta: “Io faccio le scelte per quello che vedo. Poi posso anche sbagliare, però sono state scelte tecniche. Shone? Si è allenato bene come gli altri. Abbiamo un’altra partita dove io sceglierò chi sta meglio per affrontare la partita di domani”. Infine sulle idee di gioco per il Torino l’allenatore genoano conclude così: “Qualche idea ce l’ho però abbiamo ancora un ultimo allenamento. Se uno mi fa dieci gol magari domani gioca“.

più nuovi più vecchi
Notificami
ale_maroon79
Utente
ale_maroon79

Farci i complimenti sembra che porti bene agli avversari: tutti quelli che ci incensano come squadra temibile poi immancabilmente ci sfondano di mazzate…

Vanni(CAIROVATTENE)
Utente
Vanni(CAIROVATTENE)

Facciamo paura anche alle streghe