Probabile formazione Torino / Molinaro insidia Barreca, in vantaggio l’ex Primavera. Il calciomercato porta a riflessioni su Acquah

Si prenderà la notte per decidere la formazione che scenderà in campo domani sera. Ma per Bologna-Torino, ormai, è questione di dettagli, e Sinisa Mihajliovic sa che saranno quelli a contare, per decidere le sorti dell’incontro. In palio, tornano i tre punti, e l’allenatore vuole conquistarli, per partire nel miglior modo possibile e avviare un campionato che, si spera, potrà portare il Toro in Europa. Dopo la rifinitura di questa mattina (a proposito, è stato azionato il dispositivo di occultamento al Filadelfia), l’allenatore ha le idee più chiare, ma ancora qualche dubbio da sciogliere. Di sicuro, si partirà con il modulo ormai collaudato, quel 4-2-3-1 che è sembrato riuscire a portare maggiore equilibrio alla squadra.

Con Sirigu in porta, al debutto in campionato con la maglia granata, la retroguardia verrà composta da Zappacosta a destra, N’Koulou (confermato da Mihajlovic dopo Trapani) e Moretti al centro, e Barreca a sinistra. L’ex Primavera, però, non è ancora certo del posto: c’è, infatti, un ballottaggio con Molinaro, che dovrebbe essere vinto dall’elemento più giovane a disposizione del tecnico. Ballottaggio che c’è anche a centrocampo, ed è molto più importante.

Senza Baselli e Valdifiori, e con Gustafson poco considerato, a disposizione per due posti ci sono solo tre giocatori: Obi, Rincon e Acquah. Il nigeriano ha disputato un ottimo precampionato, e la tentazione di schierarlo titolare è molta. Il venezuelano, appena arrivato, sta piacendo molto all’allenatore, ma ancora ha bisogno di qualche allenamento per integrarsi al meglio. Per questo, l’ex Genoa potrebbe non essere così sicuro di scendere in campo dal primo minuto, per quanto le ragioni di mercato sembrano portare a tenere sotto una campana di vetro il ghanese, vicnissimo al Birmingham. Ieri il club inglese ha mosso un passo che potrebbe essere decisivo, con Acquah che, si scriveva, potrebbe volare in Inghilterra nella giornata di martedì. Esporlo domani a ogni rischio di sorta potrebbe essere un azzardo, ma Mihajlovic, in conferenza stampa, ne ha elogiato l’impegno, e potrebbe comunque chiedere al giocatore di fare quella che potrebbe essere la sua ultima partita in granata. Anche per questo, il Toro ha bloccato la cessione fino alla prossima settimana, ma solo domani verranno sciolte le riserve: in settimana, Mihajlovic ha provato tutte e tre le soluzioni.

In attacco, invece, i dubbi sono pochi: Berenguer giocherà titolare a sinistra, complice anche l’infortunio di Boyé. Gli altri tre giocatori, invece, sono imprescindibili: Falque, Ljajic e il Gallo Belotti, capitano della squadra. Su di lui, il Toro si appoggia per conquistare l’Europa. Il mercato, per fortuna, è sempre più lontano.

Probabile formazione Torino (4-2-3-1): Sirigu; Zappacosta, N’Koulou, Moretti, Barreca; Rincon, Obi; Falque, Ljajic, Berenguer; Belotti. A disp. Milinkovic-Savic, Ichazo, De Silvestri, Buongiorno, Bonifazi, Molinaro, Acquah, Edera, Parigini, Aramu, De Luca, Sadiq. All. Mihajlovic

Squalificato: Boyé

Indisponibili: Lyanco, Baselli, Valdifiori.


40 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
die granata
die granata
4 anni fa

Deve arrivare sto cazzo di donsah ma acquah deve rimanere…i soldi cairo dove sono???

die granata
die granata
4 anni fa

Ballottaggio????e che cazzo ce da ballottare??,rincon deve giocare subito

mas63simo
mas63simo
4 anni fa

Campionato che inizia squadra con riserve non all altezza delle prime linee. Squadra con tanti se . se Lyanco e Bonifazi si faranno trovare pronti come Donnarumma lo è stato nel Milan se N Koulou è recuperato al 100% dall infortunio al ginocchio se Obi rimarrà integro x il 90%… Leggi il resto »

Roberto DS'63 (#SIAMOAPOSTOCOSÍ)
Roberto DS'63 (#SIAMOAPOSTOCOSÍ)
4 anni fa
Reply to  mas63simo

Giusto, troppi “se”, devono tutti combaciare contemporaneamente in una sola stagione, basta che un sola situazione di queste da te descritte non si verifica e casca il castello perché i predestinati a sostituire eventuali defaillance o infortuni non sono all’altezza.

Bologna: Verdi in campo, Palacio in panchina. Donadoni vara il 4-3-3

Bologna-Torino è già scontro tra bomber: Belotti sfida Destro