Wolverhampton-Torino 2-1: addio Europa League per i granata

Toro, niente impresa contro i Wolves: è già addio all’Europa League

di Francesco Vittonetto - 29 Agosto 2019

Al Molineux, Wolverhampton-Torino finisce 2-1: un’altra sconfitta per i granata di Mazzarri e il playoff finisce con l’eliminazione dall’Europa League

E’ finita. Il Torino saluta l’Europa League già al tramonto di agosto, quando l’alba della nuova stagione aveva appena iniziato a spuntare all’orizzonte. Dall’Inghilterra, casa Wolverhampton, i granata escono con una sconfitta per 2-1 che è la copia (abbellita) di quella maturata in casa appena sette giorni fa. 3-2 finì allora, un risultato che già metteva in salita il viaggio al Molineux. E l’impresa non riesce, nonostante venti minuti di testa e grinta (i primi del match) e gli ultimi dieci di grande cuore. Il playoff più difficile che il sorteggio potesse regalare, per i granata è fatale. Niente gironi e un pizzico di rimpianti.

Wolverhampton-Torino 2-1: il primo tempo

L’avvio del Toro è veemente. La prima metà è tutta di marca granata. Possesso, linee alte e pressing coraggioso. Asterisco (mica da poco): le occasioni non arrivano. Prima Belotti sfiora l’impatto con la sfera su punizione di Baselli, poi Rincon scarica fuori dal limite dell’area. A quel punto però i padroni di casa tolgono il piede dal freno, lasciano andare testa e gambe. Traoré si lancia in progressione ma trova Sirigu sulla sua strada. Ma il portiere ospite non può nulla contro gambalesta Jimenez: cross ancora dell’ivoriano e zampata del 9 che fa 1-0.

Risposta Torino: Baselli libera De Silvestri, il cui cross è preciso per la testa di Zaza. Nessuna replica, però, del gol alla prima in Serie A contro il Sassuolo: l’inzuccata è debole, e Rui Patricio blocca a terra.

Wolverhampton-Torino 2-1: il secondo tempo

Il primo stampo della ripresa prova a imprimerlo Baselli, da punizione, ma solo l’unghia di Rui Patricio trasforma in corner ciò che rete sarebbe potuta diventare. Proprio quella, la rete, è rapido a centrarla il Gallo Belotti. Piazzato ancora dell’8 e inserimento fulmineo del 9 che fa 1-1. Rapido è anche il momento di svolta della gara. Che regala subito un altro colpo di scena. Jota si incunea in mezzo a tre – come Jimenez nella gara d’andata (sì, qualcosa dietro Mazzarri dovrà certamente sistemarla) -, incoccia le mani di Sirigu, che però nulla può sul tap-in di Dendoncker.

La botta c’è, è evidente. Dai cambi, Meité e Berenguer, WM non ottiene un impatto evidente. Dopo qualche minuto di “olé” del Molineux, Zaza si scuote: la sua botta da fuori termina a lato di poco, il mancino in girata alto sulla traversa. E’ il suo atto conclusivo, prima di lasciare il posto a Millico per un piccolo infortunio. Finale con tre fiammate: Sirigu evita il tris dei Wolves, poi Meité fallisce un rigore in movimento, infine Belotti calcia fuori di un nulla. Anche i centimetri, remano contro. E allora per il Toro finisce tra delusione e qualche lacrima.

più nuovi più vecchi
Notificami
DSR
Utente
DSR

E due, per seconda volta questo parassita ci manda in giro per lEuropa con le pezze al cùlo… Mi raccomando difendetelo ancora

Fender69
Utente
Fender69

Un plauso ai ragazzi che hanno dato tutto. Purtroppo sono stati abbandonati da una società inqualificabile. Ennesimo fallimento sportivo.
Cairo vattene

Diablo
Utente
Diablo

La squadra si sta sfasciando , e anche quel reparto , la difesa , che era il ns punto di forza , va a farsi benedire ………..2 sconfitte consecutive e 5 reti subite in 180 minuti !!! Grazie al progetto da decrescita felice del cialtrone !! Cairo VATTENE , VERGOGNATI… Leggi il resto »