Torino: Aina, l'esordio fa ben sperare: l'allenamento in vacanza è servito

Aina, l’esordio a Minsk fa ben sperare: il lavoro svolto in vacanza è servito

di Veronica Guariso - 17 Agosto 2019

Ola Aina è tornato a giocare contro lo Shakhtyor Soligorsk. La sua prima prestazione dell’anno è stata positiva grazie al lavoro svolto in vacanza

Buona la prima per Ola Aina, tornato in campo con il Torino proprio contro lo Shakhtyor Soligorsk. L’esordio stagionale ha dato prova della buona condizione fisica del giocatore granata, che è sceso in campo per circa mezz’ora. Oltre ad essersi ridotto le vacanze, Aina, che ha saltato la preparazione perchè impegnato con la nazionale nigeriana in Coppa d’Africa, si è tenuto in forma durante il suo periodo di riposo, riuscendo infatti a rendere in modo positivo. C’è ancora molto da fare per tornare al meglio ma la base di partenza è ottima. Anche Mazzarri, che aveva invitato tutti i suoi a seguire un programma per tornare avantaggiati, si è detto soddisfatto.

Torino, Mazzarri soddisfatto dello stato di forma del terzino

Già alla vigilia di Shakhtyor Soligorsk-Torino aveva espresso la propria soddisfazione per lo stato di forma del nigeriano. “Aina? Se ci sarà bisogno una trentina di minuti potrà giocarli. E’ tornato in ottima forma” , queste le parole di Mazzarri. L’allenatore ha poi deciso di far esordire il suo numero 34 nonostante fossero passati pochi giorni dal suo arrivo al Torino. E’ stata una buona iniezione di fiducia, che non può fare altro che incentivare il nigeriano a migliorare ulteriormente e riprendersi il suo posto in quadra.

Torino: Aina è pronto a riprendersi il posto in fascia

La fiducia verso l’esterno del Torino c’è. Ora serve la dimostrazione che sia davvero pronto. Contro il Wolverhampton è vietato sbagliare e le sfide di andata e ritorno sono intervallate dalla prima giornata di campionato. Per Aina potrebbe rivelarsi il momento giusto per tornare a scalare le gerarchie, con Mazzarri che sa di avere bisogno di tutto l’aiuto possibile. Nell’attesa di un terzino sinistro, sarà infatti il nigeriano a poter esprimere al meglio le proprie qualità, alternandosi ad Ansaldi o sull’altra fascia a De Silvestri. E’ un’ottima palestra per poter replicare la buona prestazione generale vista nella scorsa stagione, che ha convinto Cairo a pagare 10 milioni per il riscatto.

più nuovi più vecchi
Notificami
Benvenuti
Utente
Benvenuti

Buone sgroppate sulla fascia di sua competenza

Vanni(CAIROVATTENE)
Utente
Vanni(CAIROVATTENE)

Va beh. Ha 20 anni. Se manco corre serve a un tubo. Ha già piedi quadrati.