Nel 2018 l’addio definitivo dopo 16 anni di Toro: l’esordio in granata due anni prima, poi la separazione e un bellissimo messaggio di commiato

L’addio si è consumato nell’estate del 2018, dopo 16 anni con la maglia del Torino addosso. Mattia Aramu fa parte di quella nidiata di talenti cresciuti nel vivaio granata, arrivati fino alla Primavera e che in Prima squadra hanno sì esordito, senza tuttavia trovare poi lo spazio giusto. La prima presenza con la massima serie proprio col Toro, nel settembre del 2016: il classe ’95 aveva già fatto esperienza altrove, sempre in prestito. Trapani, Livorno, poi dopo una parentesi granata ancora lontano da casa, alla Pro Vercelli e poi all’Entella. Sarà quella con i genovesi l’ultima maglia indossata prima dell’addio definitivo alla maglia granata.

Aramu: col Toro nel sangue

“Lontano da Torino ma con il Toro nel sangue”. Si era congedato così, salutando i tifosi sui social prima di ripartire dalla serie C, col Siena. La svolta arriva due stagioni fa, quando Aramu approda al Venezia: con i lagunari si riprende quella Serie A solo sfiorata ma assolutamente meritata. Un giro più lungo per arrivare lì dove tutto sarebbe potuto non solo iniziare ma anche proseguire – come del resto il suo ex compagno in Primavera Gyasi – un percorso. Un bagaglio d’esperienza che si arricchirà domani quando per la prima volta Mattia si troverà di fronte il club nel quale è cresciuto ma che, questo bisogna dirlo, non ha creduto fino in fondo nel suo talento.

Aramu e il Toro: nessuna rivincita

Nessuna voglia di rivincita, conoscendo questo ragazzo, solo la consapevolezza di aver conquistato tutto sul campo. Nessun regalo, solo costanza, lavoro e desiderio di realizzare il sogno di calcare i migliori palcoscenici di Serie A.

Mattia Aramu, Venezia
Mattia Aramu, Venezia
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 26-09-2021


2 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
maximedv
maximedv
22 giorni fa

Della squadra di Longo, alla fine, un po’di giocatori sono finiti in A. Aramu, Gyasi, Bonifazi, etc… Conferma dell’ottimo lavoro fatto da Moreno e Bava coi fichi secchi

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
23 giorni fa

Lui e Gyasi rappresentano l’essenza del professionismo Giocatori con limiti evidenti, ma che sono arrivati in A e da PROTAGONISTI! Messiè altra cosa, ma credo che poter dire: ho giocato in A significhi poter dire, per un ragazzo, ce l’ho fatta!! Complimenti e onore a voi dAll’altra abbiamo i Balotelli.… Leggi il resto »

Pjaca si ferma sul più bello: Toro senza il suo capocannoniere

Torino, infortuni non casuali: Juric spiega il perché