I precedenti di Atalanta-Torino / In linea generale i granata sono favoriti, ma tra le mura della Dea regna l’equilibrio

Altro giro, altra corsa per il Torino, pronto a tornare in campo dopo la vittoria contro la Cremonese. Ancora terra lombarda per i granata di Juric, che giovedì scenderanno in campo contro l’Atalanta di Gasperini. L’allievo sfiderà quindi nuovamente il maestro in un match che si prospetta essere complicato. Dando un’occhiata al passato, su 108 incontri totali, il Toro ne ha vinti 43 contro i 25 degli avversari e i 40 pareggi ottenuti. Un bottino prezioso che però muta concentrandosi sulle partite gocate a Bergamo: è infatti l’equilibrio a regnare con 16 vittorie ciascuno e 22 pareggi.

Atalanta-Torino, nel 2012 una vittoria con margine per i granata

Gli ultimi precedenti tra le due formazioni hanno dato vita a prestazioni rocambolesche e ricche di gol. Tra quelli che spiccano, c’è l’1-5 del 30 settembre 2012, che vede a confronto l’Atalanta di Colantuono e il Toro di Ventura. Nonostante il risultato è la Dea a mantenere il dominio del gioco per gran parte del match. A sbloccare il risultato ci pensa Denis, sigillando quanto di buono creato dai bergamaschi. Nonostante le poche occasioni create, si sblocca anche il Toro, grazie ad un rigore conquistato e segnato da Rolando Bianchi. I rubinetti si aprono realmente però solamente a mezz’ora dalla fine, con gli uomini di Ventura che dilagano. Prima Gazzi di testa poi Stevanovic su assist di Cerci, mettono il risultato in cassaforte ma non basta. L’Atalanta si addormenta e ne approfitta D’Ambrosio che segna su sviluppo da corner, seguito poi dal numero nove granata che riesce così ad aprire e chiudere la manita.

Atalanta-Torino 2-1: nel 2018 l’ultima vittoria della Dea

L’ultima vittoria per la Dea risale invece al 22 aprile 2018. C’è già Gasperini a guidare i bergamaschi e deve fare i conti con Mazzarri per un match vincolante dal punto di vista dell’Europa League. C’è Berisha in porta da una parte, attualmente invece passato alla sponda granata; dall’altra Sirigu. Le danze vengono aperte da Freuler al 53′ di testa su assist di Barrow che si confermerà tra i migliori in campo. Tre minuti dopo, ecco che Ljajic riapre il match superando il portiere avversario ma la festa dura poco. Gosens riporta in fretta i vantaggio i suoi rendendo vani i tentativi di Mazzarri di metterci una pezza.

Atalanta-Torino 4-4: un ultimo precedente da ricordare

Riavvolgendo il nastro, è il turno ora dell’ultimo precedente tra le due formazioni che ha visto protagonisti diversi giocatori che verranno chiamati in causa giovedì. Prende vita una partita ricca dic olpi di scena e di tiri dal dischetto, che vedono però il tutto concludersi con un’assoluta parità. Le premesse sono delle migliori e lo conferma il campo, con Sanabria a segno dopo soli 4 minuti. Al 17′ però ecco che cominciano a fioccare i rigori: Muriel, che si conquista il primo su un’ingenuità di Rodriguez, lo mette a segno e regala un assist perfetto a De Roon da calcio d’angolo, che non sbaglia. Arriva la prima rete da dischetto anche per i granata con Lukic, che replicano sempre con il serbo al 63′. La Dea si affossa ulteriormente con l’autogol di Freuler qualche minuto dopo ma quando sembra finita, ecco che gli uomini di Gasperini ritornano in partita. Pasalic accorcia, e Muriel con il quarto e ultimo rigore del match, la pareggia.

Luis Muriel
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 01-09-2022


Juric: “Lukic gioca”. L’emergenza rimette al centro l’ex capitano

Ricci ko, Pobega e Mandragora non sostituiti: a centrocampo è già allarme rosso