Sassuolo-Torino, il duello tra numeri 9: Belotti sfida Caputo - Toro.it

Sassuolo-Torino, il duello tra numeri 9: Belotti sfida Caputo

di Veronica Guariso - 23 Ottobre 2020

Il duello di Sassuolo-Torino / Belotti vuole il primo risultato utile con il suo Toro. Caputo è pronto a dare continuità a quanto realizzato fino ad ora

Continuità e ricerca di una svolta. Questi i due imperativi alla base delle motivazioni che spingeranno rispettivamente i giocatori del Sassuolo e quelli del Torino a dare il massimo in campo. Se i primi infatti hanno avuto una delle migliori partenze in questo inizio di stagione, non si può dire lo stesso dei secondi. Il Toro è infatti alla ricerca del primo punto stagionale e per trovarlo si affiderà al proprio capitano, il Gallo Belotti, che dovrà interfacciarsi con Francesco Caputo a suon di gol. Dal canto loro, i neroverdi proveranno ad impedire che ciò accada per mantenere il secondo posto e la media ottenuta e chi se non il loro bomber per farlo. Quattro gol per entrambi, così come il numero 9 sulla schiena: si apre la sfida.

Belotti a caccia del primo punto stagionale contro la sua vittima preferita

A suon di gol, il Gallo si è guadagnato il ruolo di leader e di capitano del Torino, che si affida alle sue magie da ormai più di cinque anni. Nonostante qualche difficoltà riscontrata negli anni, Belotti è riuscito a guidare i suoi fino all’Europa League, con 195 presenze e 96 gol in attivo, andando in doppia cifra ogni anno trascorso granata. É ora pronto a ripetersi e farà di tutto per riuscirci. L’unico a crederci sempre fino al’ultimo, ha già dato prova di poter dire la sua: ha infatti realizzato due doppiette in questo inizio di stagione, eguagliando quanto fatto nel 2016-2017 (il suo anno d’oro). La sua versatilità ed il suo spirito di sacrificio sono elementi imprescindibili per il gioco dei granata. Il Sassuolo resta la sua vittima preferita, con 8 gol in 11 partite che lo dimostrano. E chissà… Potrebbe essere di nuovo la volta buona per realizzare la rovesciata non andata a buon fine contro il Cagliari, come già accaduto nel 2019.

Caputo pronto a mettere in difficoltà i granata

Stessa media gol per Caputo in questo inizio di stagione a quota 4 reti, ma che vanta la partecipazione a due gol in più con due assist all’attivo. L’ex Empoli è al suo secondo anno in neroverde sotto la guida di De Zerbi, che da subito è riuscito a estrapolare da “Ciccio” il massimo rendimento. L’anno scorso è infatti andato a segno ben 21 volte contro le 16 del Gallo, una elel quali proprio contro i granata alla prima di campionato. Dal grande senso del gol e pronto a mettersi a servizio della squadra, il numero 9 del Sassuolo è pronto a dare continuità a quanto realizzato dai suoi, secondi a 10 punti dietro al Milan. Oltre al prossimo match, Caputo insidia il Gallo anche per quanto riguarda la Nazionale, dove ha ottenuto l’esordio nell’amichevole contor la Moldavia e non si fermerà senza aver tentato di prendersi un posto per Euro2021.

Francesco Caputo (L) of US Sassuolo comeptes for the ball with Nicolas Nkoulou of Torino FC during the Serie A football match between US Sassuolo and Torino FC.

3 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)
Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)
1 mese fa

Duello appassionante per uno che poteva sfidare gente come Lewandowski.
Oggi Caputo, ieri Pavoletti, domani Okaka.
Una carriera crepata dal banfone.

urto (andrea)
urto (andrea)
1 mese fa

ciao Gian! E” l” unico che in questi tempi così granatamente bui, ha sempre incarnato lo spirito che tanto manca ( a quasi tutti…)! E il fatto che sia comunque rimasto, gli fa comunque onore. poteva ambire di meglio; e, non sarebbe stato così difficile. E” rimasto. Lavora, non fa… Leggi il resto »

maurone
maurone
1 mese fa

Però nessuno lo ha voluto pagare davvero quanto avrebbe pensato di pagare un Griezman, uno Mbappe, un Nejmar, neppure quanto un Higuain, poi svenduto . C’est la vie! E meno male per noi, perché diversamente questa sera avremmo giocato a Reggio Emilia, ma contro la Reggiana