Belotti assist-man, Sirigu attento: l’Italia trionfa in Grecia

di Francesco Vittonetto - 8 Giugno 2019

Ad Atene, l’Italia di Mancini vince per 3-0 contro la Grecia: Barella, Insigne e Bonucci regalano la vittoria. Belotti protagonista negli azzurri

Uno tra i pali, l’altro al centro dell’attacco: cerniera azzurra con un tocco di granata, allo “Spyros Louis” di Atene. Grecia-Italia è stata anche la partita di Andrea Belotti e Salvatore Sirigu, titolari nell’undici di Mancini e protagonisti di una serata trionfale per gli azzurri, vittoriosi per 3-0. Se per il portiere di dubbi ve n’erano pochi alla vigilia – il ballottaggio con Donnarumma si era risolto già in sede di convocazioni, vista l’assenza per infortunio del rossonero -, la presenza del bergamasco è stata la grande sorpresa del commissario tecnico. Ha convinto anche l’ex tecnico dell’Inter, il Gallo, protagonista di un finale di campionato al top della condizione e di un raduno a Coverciano nel quale è riuscito a scalzare il capocannoniere della Serie A, Fabio Quagliarella, dall’undici prescelto dal Mancio.

Belotti, in Grecia-Italia assist per il gol di Barella

In campo, Belotti ci mette venti minuti per dare il primo calcio pericoloso: sinistro di prima su servizio di Insigne e palla alta. Tre minuti appena e gli azzurri passano. Ancora il 9 va via sulla sinistra, supera in velocità il romanista Manolas e serve al centro Barella: basta un tocco leggero per appoggiare in rete l’1-0.

Potenza e qualità, nella giocata del granata. Che non si risparmia, come di consueto, nemmeno in fase difensiva. La reazione greca è debole e l’Italia raddoppia subito con Insigne, che disegna il destro a giro dopo un duetto in contropiede con Chiesa. Poco dopo ecco anche il tris: cross di Emerson, testa-palo-gol di Bonucci.

Italia, Sirigu attento su Fortounis nel secondo tempo

Sul primo brivido della ripresa e della partita portato dai padroni di casa, Sirigu vola ed evita l’1-3: destro di Fortounis e parata a due mani del sardo, che sul prosieguo dell’azione esce con tempismo su un cross dalla sinistra.

A dodici dalla fine Belotti va a un centimetro dal gol. Il suggerimento di Barella è quasi perfetto, il Gallo lo manca di testa a due passi dalla linea di porta. Poi, altro tentativo da assist-man: palla al centro per Chiesa che sparacchia alto da ottima posizione. E’ il sipario su una gara di grandi soddisfazioni. Il Gallo esce per far spazio a Bernardeschi, Sirigu chiude inoperoso. Appuntamento all’11 giugno: allo “Stadium” di Torino arriverà la Bosnia.

più nuovi più vecchi
Notificami
Cup
Utente
Cup

Serata positiva, ma il Gallo se vuole conservare il posto deve anche segnare…