Berenguer esterno a centrocampo nel 3-4-1-2: l’idea di Mazzarri

19
Berenguer
CAMPO, 18.3.18, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, Serie A, TORINO-FIORENTINA, nella foto: Alejandro Berenguer

De Silvestri squalificato, Barreca in dubbio: il Torino è in piena emergenza per la trasferta di Bergamo. Due le alternative a sinistra: Molinaro o Berenguer

Cristian Molinaro o Alejandro Berenguer come esterno nel 3-4-1-2? A due giorni da Atalanta-Torino, la partita che deciderà le sorti di un campionato riscopertosi troppo tardivamente aperto in casa granata, Walter Mazzarri deve trovare un modo per sopperire alle tante assenze nella prossima sfida. All’Atleti Azzurri d’Italia non ci sarà De Silvestri, fermato dal Giudice Sportivo a causa dell’espulsione rimediata nel finale di gara e rischia di mancare anche Antonio Barreca che ha interrotto anzitempo la seduta di ieri a causa di un risentimento muscolare alla coscia sinistra. Due notizie quantomai nefaste per Walter Mazzarri che ora si guarda attorno e allerta Berenguer e Molinaro.

Torino, i problemi di formazione: Molinaro non è al meglio

Conviene, a questo punto, far proprio la conta dei disponibili. La certezza è senza dubbio Cristian Ansaldi, forse il migliore in Torino-Milan. L’argentino è sempre più pedina fondamentale nel 3-4-1-2 granata, con l’abilità di destreggiarsi su entrambe le corsie. E’ questo il punto di forza che rincuora Walter Mazzarri. Oltre all’ex Inter restano a disposizione Molinaro e Berenguer, appunto, entrambi capaci di ricoprire la posizione in questo momento alla ricerca di un interprete affidabile per far fronte all’emergenza. Il terzino classe ‘83, arrivato a Torino ormai quattro anni fa, è però reduce da un brutto stop fisico, la frattura della testa del perone che gli ha impedito di vedere il campo per oltre un mese. Da quattro partite a questa parte è tornato in panchina, ma le sue condizioni – ad oggi non perfette – saranno da valutare attentamente prima di rischiarlo in una sfida tanto delicata. Qualora la scelta ricadesse proprio sull’esterno lucano, ad ogni modo, allora Ansaldi verrebbe dislocato sulla corsia di destra.

Berenguer: Mazzarri lo prova esterno, come ai tempi dell’Osasuna

L’altra opzione in ballo risponde al nome di Alex Berenguer. Lo spagnolo è stato ad un passo dal subentrare nella gara contro il Milan, poi lo stop di Obi ha mandato all’aria i piani di Mazzarri, visibilmente stizzito, così come l’ex Osasuna. Proprio nell’avventura in Navarra, però, il 21 granata ha accumulato una certa esperienza nel ruolo di ‘quinto’ nel 3-5-2. Spesso, nel corso della passata stagione, è stato impiegato largo a destra – per questo, qualora dovesse scendere in campo, Ansaldi potrebbe rimanere sulla corsia di sinistra -, in alternativa al classico impiego da esterno alto. Mazzarri al Filadelfia lo ha già provato come esterno di centrocampo, le conoscenze tattiche, dunque, ci sono tutte. Ora, resta la scelta. I dubbi verranno sciolti a ridosso del match, certamente, dopo aver valutato a fondo le condizioni di Barreca. Saranno giorni di prove, al Filadelfia: contro l’Atalanta non si potrà arrivare scoperti.

  Iscriviti  
più nuovi più vecchi
Notificami
Vanni(CairoDentroNoTarpoAliMaIncasso)
Utente
Vanni(CairoDentroNoTarpoAliMaIncasso)

Ma berlinguer esterno dove? Fuori del campo è il suo ruolo.

rotor
Utente
rotor

Spero che non faccia giocare l?improponibile Molinaro.

andrea malavolti
Utente
andrea malavolti

Concordo, Ansaldi è certamente uno dei migliori in campo in questo periodo. Propongo una petizione da inviare a Mazzarri: Mister niente più rigori a Belotti (ne ha sbagliati sette!).