Izzo rischia di restare fuori contro la Fiorentina dopo l’infortunio contro il Benevento: Buongiorno e Bremer si candidano per sostituirlo

Neanche il tempo di ambientarsi e prendere “le misure” al suo Toro che Nicola dovrà già risolvere il primo ballottaggio difensivo in vista del match contro la Fiorentina: Bremer o Buongiorno? Un dubbio che difficilmente si sarebbe posto se Armando Izzo non si fosse, suo malgrado, dovuto fermare per qualche giorno dopo il trauma cranico rimediato contro il Benevento. Sta bene il difensore ex Napoli. Tuttavia, come comunicato dalla stessa società, per qualche giorno dovrà continuare nel lavoro differenziato evitando il gioco di contatto con i compagni. Una precauzione, logica e giusta, che suona però come una probabile esclusione dalla sfida contro i viola. E allora ecco che per Bremer e Buongiorno si apre la possibilità di giocarsi tutte le carte a disposizione per arrivare ad una maglia da titolare.

Izzo si ferma, chi lo sostituisce?

I due granata hanno dimostrato entrambi nel corso di questa stagione di meritare tanto la fiducia quanto la maglia in ballo e con il cambio di allenatore, e la relativa necessità di riconquistare anche la sua di fiducia, le motivazioni non mancano. Buongiorno, da un lato, ha già avuto modo di mettersi in mostra nel corso del match contro il Benevento, giocando un buon secondo tempo che gli ha permesso di cancellare la prestazione non esaltante messa in campo contro lo Spezia.

Dall’altra parte, Bremer ha vissuto una crescita costante e impressionante che lo ha portato ad essere quasi inamovibile nella retroguardia granata. I numeri, lo avevamo già raccontato, ne sanciscono l’esplosione tanto che sul difensore si sono già accesi i primi fari del mercato, anche dall’Inghilterra dove Everton e Liverpool si erano detti particolarmente interessati al difensore. Ma il mercato, almeno per il momento, non riguarda il brasiliano. Due difensori di spessore e qualità, dunque, per una sola maglia nella linea a tre: Nicola dovrà decidere se farla vestire a Buongiorno, dandogli la possibilità di proseguire nel solco tracciato venerdì scorso, o a Bremer per vederlo all’opera per la prima volta dal suo arrivo sulla panchina del Toro. L’ipotesi di giocare a quattro dietro sin dal primo minuto appare, ad oggi, più lontana.

Alessandro Buongiorno
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 27-01-2021


1 Comment
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Lewishenry - #conCairononmiabbono (neancheasky)
Lewishenry - #conCairononmiabbono (neancheasky) (@lewishenry)
10 mesi fa

Visto che nessuno commenta, ne approfitto per fare una domanda tecnica alla redazione: ma la rotellina che appare a fianco dei post appena inseriti, cos’è:
1) Una decorazione?
2) Una presa in giro?
Grazie, anche se so che non rispondete.

Toro, guarda e impara: da Nicola a Mihajlovic, tutte le salvezze impossibili

Verdi come Falque nel “sistema” Nicola