I precedenti di Cagliari-Torino: la Sardegna terra ostica per i granata, che hanno ottenuto solo 8 vittorie in 35 scontri

Ripartire con una vittoria. È questo quello che l’ambiente granata richiede ai propri beniamini, che rivedono il campo dopo uno stop di due settimane. L’ultimo incontro non è andato nel migliore dei modi, come dimostrato dal pareggio esterno di Genova, ma contro il Cagliari c’è bisogno dei tre punti per tornare a sognare la dannata zona Europa che sembra sempre tanto vicina quanto irraggiungibile. I ragazzi di Juric avranno di fronte una squadra con le spalle coperte da un popolo unito che si presenterà all’Unipol Domus per ricordare la leggenda Gigi Riva. Storicamente, la città sarda dà sempre parecchi problemi al Toro, che nei precedenti 35 incontri in Serie A non è mai andato oltre le 8 vittorie, perdendo 13 volte e uscendo con un punto in 14 occasioni.

L’ultima partita: un pareggio anonimo

Il Torino non va a Cagliari dal 6 dicembre 2021, a causa della retrocessione di quella stagione dei sardi. In quell’occasione, il primo Toro di Ivan Juric si presentava con una formazione molto offensiva, all’interno della quale figurava gente del calibro di Pobega, Lukic, Pjaca e Brekalo. I granata non sono andati oltre l’1-1 (indirizzato da un autogol di Carboni per i padroni di casa) contro l’umile compagine di Mazzarri, che in quel momento si trovava al terzultimo posto in classifica con appena 10 punti dopo 16 giornate.

Un gol di Bremer per allungare sulla zona rossa

Nemmeno nella stagione precedente le due squadre galleggiavano in una situazione tranquilla, soprattutto quando si sono incontrate nel febbraio del 2021. Il Toro, allenato da Davide Nicola, era reduce da diversi pareggi consecutivi e incontrava un Cagliari che con Di Francesco non era riuscito a uscire dalla zona pericolosa della classifica. Il distacco, di +2, era rimasto lo stesso fino al 76′, quando con un colpo di testa Bremer è riuscito ad aprire le marcature e a regalare la prima vittoria all’attuale tecnico dell’Empoli. I granata sono tornati a casa con più sicurezze, allungando la distanza dal piazzamento per la retrocessione a 5 punti.

La Coppa Uefa sfumata

Un precedente che i tifosi granata di vecchia data ricordano sicuramente, ma in modo negativo, è quello risalente alla stagione 1974/1975. Granata e rossoblù si sono sfidati al Sant’Elia alla 30ª giornata, in quella che sarebbe dovuta essere una giornata di festa per i tifosi del Toro. Una vittoria, infatti, avrebbe significato qualificarsi per la Coppa Uefa. Gli uomini di Fabbri, guidati da Pulici, non sono però riusciti ad andare oltre lo 0-0, che associato alle vittorie delle dirette concorrenti ha sancito il fallimento dell’obiettivo. Si era chiusa così la stagione, con la delusione sui volti di giocatori e tifosi, i quali non sapevano che nella seguente stagione avrebbero ottenuto un risultato storico.

Joao Pedro e Koffi Djidji
Joao Pedro e Koffi Djidji
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 26-01-2024


1 Comment
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
marco ruda
marco ruda
1 mese fa

noi non tradiamo mai : nel momento del bisogno o feste altrui,risultato 1 fisso.felice se verro smentito.

Bellanova verso il Cagliari: l’esterno granata a caccia del primo gol

Dossena-Buongiorno, Cagliari-Torino è una sfida tra leader difensivi