Cairo su Mazzarri : "Gli propossò il rinnovo del contratto"

Cairo: “Proporrò il rinnovo a Mazzarri”. E su Petrachi…

di Giulia Abbate - 4 Luglio 2019

Il presidente del Torino Urbano Cairo in un’intervista alla Gazzetta dello Sport: “Da Petrachi mi aspettavo più sincerità”

In una lunga intervista alla Gazzetta dello Sport il presidente Urbano Cairo parla del suo Toro, di mercato e soprattutto di Mazzarri verso il quale la stima e la fiducia sono molto più che solide tanto che il patron granata ammette: “Gli proporrò il rinnovo del contratto, a breve. Mi hanno convinto la persona e il professionista. Giusto proseguire insieme e lui mi sembra dell’idea“. E se lo si paragona al passato: “Mazzarri, come Ventura, ha la capacità di valorizzare i calciatori ma ha più determinazione, più voglia di vincere. Il Napoli ha svoltato con lui, è il migliore“.

Cairo: “Petrachi? Mi aspettavo più sincerità”

Da un Mazzarri a cui arriverà la proposta di rinnovo del contratto, a un Petrachi da cui Cairo si aspettava “maggior sincerità. Non parliamo però di tradimento. Gli ho voluto far capire che se esigi rispetto, devi darlo. Per questo l’ho fatto aspettare un po’. Ma ad accordo fatto gli ho mandato un messaggio di in bocca al lupo“. Una vicenda che si è dunque conclusa dopo mesi di incertezza che hanno costretto il presidente Cairo ad intervenire in prima persona: “Da maggio Petrachi era missing in action. Per due mesi mi sono occupato del Toro in prima persona. E mi ha fatto piacere perchè ho ripreso i contatti con tante persone. Ora con Bava torno a delegare di più. Al Toro dedico il 20% della mia giornata”.

Il Toro e l’Europa: “Giusto così: bisogna rispettare le stesse regole”

Dopo aver risolto il nodo Petrachi, adesso è tempo però di pensare al futuro. Un futuro che sembra portare Mazzarri verso il passaggio ad un modulo diverso: “Mazzarri vuole giocare con il 3-4-3, non c’è dubbio. In un anno e mezzo l’ho visto crescere, tanto che nel girone di ritorno siamo finiti quarti, ad un punto da Milan e Juve e 5 dall’Atalanta”. E il futuro parla anche di Europa: “Negli ultimi 15 anni chi ha fatto 63 punti non è mai rimasto fuori dall’Europa. Il fato ha rimesso a posto le cose. Spiace per il Milan, da ragazzino tifavo Milan e Toro, ma se si corre per lo stesso obiettivo, giusto rispettare le stesse regole e poter gestire le stesse risorse“.

Cairo: “I preliminari di Europa League sono una partenza”

E parlando di Europa, il patron graanta chiarisce gli obiettivi per la prossima stagione: “I preliminari di Europa League sono una partenza, non un arrivo, il cammino dovrà essere lungo e importante. Rimbocchiamoci subito le maniche come Valentino Mazzola. Dobbiamo rimetterci in pista con la testa giusta. Abbiamo fatto tanto: il mio record di punti, quello del Toro nell’era dei 3 punti. Ma non dobbiamo accontentarci. Io il segnale l’ho dato confermando tutti: qualcuno ha detto che trattenere un grande è come fare un grande acquisto. Io allora ne ho già fatti una serie, rintuzzando richieste di ogni tipo

Il mercato: “Ci manca solo un titolare in attacco”

Per affrontare al meglio l’Europa e il campionato il Toro dovrà però cercare qualche rinforzo ma il presidente Cairo non vuol sentir parlare di top player: “Non chiamiamolo top-player che poi ci aumentano i prezzi”. Una battuta che tuttavia non nasconde l’intenzione di consegnare a Mazzarri i rinforzi necessari: “La situazione è questa: se trattengo tutti, parto con la squadra arrivata quarta nel ritorno. Devo aggiungere solo un paio di giocatori, di cui uno, a centrocampo, è un’alternativa ai titolari. Magari il terzo portiere. Quindi ci manca solo un titolare, in attacco”.

Non siamo costretti a prenderlo subito. Per il 25 la squadra è pronta anche senza l’innesto. Non dobbiamo correre, dobbiamo muoverci con intelligenza. Stiamo lavorando a tre ipotesi, non dico quali, ma tre belle ipotesi: una si chiude. Senza dimenticare che mi aspetto Iago ai livelli strabilianti delle prime due stagioni. A centrocampo? Mazzarri preferisce valorizzare i giovani e non avere troppi giocatori in più. Non ama la ridondanza“.

Sui Belotti: “L’ho visto crescere, non molla mai”

Tra i confermati dal presidente Cairo c’è sicuramente anche Andrea Belotti: “L’ho visto crescere tantissimo durante la stagione. E quando cresce fisicamente, cresce anche in bellezza, in tecnica. Ma l’aspetto migliore è che non molla mai e anche quando Mancini non lo chiamava, non si è mai avvilito e si impegnava ancora di più. Ora l’azzurro gli darà ancora più entusiasmo“. Se firmerei per 20 gol? “Ne ha fatti anche 26. No che non firmo. Sono ottimista. Mi prendo il rischio“.

E sulla difesa: “Izzo e Nkoulou reggono il confronto. Sono rientrati Lyanco e Bonifazi, abbiamo certezze come Djidji e Bremer. Reparto molto forte

Cairo sulla Superlega: “Guardiola persona intelligente”

Poi il presidente Cairo torna sull’argomento Superlega e sulle parole di Guardiola: “Da persona intelligente ha colto l’attaccamento al campanile, alla tradizione. La memoria dei tifosi va rispettata, ma anche l’attendibilità della competizione che verrebbe squilibrata dagli introiti enormi di poche. La forza della Premier è la competitività garantita da una distribuzione equa“.

E sull’idea di un canale MediaPro che batta Sky e Dazn: “Sul canale della Lega ho dei dubbi. Non è tutto così semplice come appare. Non è solo un fatto economico. Bisogna valutare il rischio di ingaggiare battaglie che tolgano visibilità al calcio per un periodo lungo”

Cairo: “Mio figlio nel CdA per capire cos’è il Toro”

Il presidente Urbano Cairo parla poi anche della famiglia e dei figli, di Federico in particolare: “E’ un supertifoso. Anzi, per il suo 18° compleanno l’ho voluto coinvolgere ancora di più inserendolo nel Consiglio d’amministrazione. Più che un regalo, volevo capisse che cos’è il Toro anche dalla parte della gestione. Quando presi il club aveva 4 anni, lo tenevo per mano durante il giro di campo alla prima con l’AlbinoLeffe davanti a 30mila spettatori. Si spaventò…A lui le trattative le dico, è molto riservato. Ai giornalisti no“.

Toro femminile: “Sto pensando di investire in una prima squadra”

Periodo di Mondiali femminili: “Lo seguo, mi sono appassionato. Per ora abbiamo squadre solo fino alle juniores, ma sto pensando di investire anche per una prima squadra

Cairo sul ritorno di Ventura: “Farà bene”

Infine, sul ritorno di Ventura in panchina: “Bravo Lotito a riconoscere la voglia di rivincita di un ottimo allenatore. Farà bene»

più nuovi più vecchi
Notificami
mas63simo
Utente
mas63simo

A Cairo interessano i soldi e la femminile sarebbe un buco pazzesco a meno di tante Belen in minigonna a sgambettare sul prato. Ah e prima che qualcuno mi dia del maschilista ho letto sulla stampa di qualche giorno fa che nell ambiente dell” Opera” x attirare più pubblico da… Leggi il resto »

DSR
Utente
DSR

Ridicoli chi sotto per giustificare l.immobilismo della società elenca gli affari conclusi Aina, Bonifazi, Lyanco, addirittura Ansaldi…patetici, mi sembrano Gatto Silvestro con le unghie sul vetro.

Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)
Utente
Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)

Oggi IgnoranzaGranata si è superato. Generalmente è ridicolo e patetico ma in data odierna registro un exploit.

SpakkaLaGobba
Utente
SpakkaLaGobba

Niente da ridire sulle dichiarazioni, anzi. Vedremo. Per quel che riguarda l’intenzione di allestire una squadra professionistica femminile non posso esimermi dall’esprimere il mio entusiasmo per l’idea. Questo mondiale è veramente una boccata d’aria fresca nel mondo sopravvalutato e per la maggior parte stereotipato del calcio maschile. Un calcio per… Leggi il resto »

tarzan_annoni
Utente
tarzan_annoni

Il calcio femminile è stata un’ operazione mediatica del venaria. Stai sereno che dietro non c’è niente che riguarda lo sport e il bel gioco….

SpakkaLaGobba
Utente
SpakkaLaGobba

Con tutto rispetto, penso che l’operazione mediatica a cui ti riferisci riguardi l’Italia. Può darsi, ma io vivendo in Canada su questo non so che dire, né l’argomento mi interessa minimamente. Il mio è un apprezzamento dal punto di vista di tutta la comunità calcistica che, per fortuna, non si… Leggi il resto »

tarzan_annoni
Utente
tarzan_annoni

Capisco, il tuo punto di vista è logico e lecito. Noi, qua in Piemonte, viviamo costantemente questa faida. Hai, comunque, ragione

SpakkaLaGobba
Utente
SpakkaLaGobba

👍

tarzan_annoni
Utente
tarzan_annoni

Riletto tua risposta….io mi riferivo, come business mediatico, proprio all’ altra squadra di Torino. Sono 8/10 mesi che su tuttosport ci sono, giornalmente, due pagine sulla j femminile. Sky dedica ampi servizi, sempre privilegiando, comunque, la j femminile. Il mondiale è stato un successo “mondiale” ma chi ha deciso che… Leggi il resto »

SpakkaLaGobba
Utente
SpakkaLaGobba

Ok, grazie per i dettagli. Da quello che dici è stato l’ennesimo sacrosanto martellamento di palle difficile da sopportare e il riscontro mediatico è stato orchestrato dai soliti. Penso però (almeno lo spero) che in questo tu ti riferisca all’Italia. Mica vorrai dire che… Quello che dico io è (non… Leggi il resto »

SpakkaLaGobba
Utente
SpakkaLaGobba

In conclusione o diventate tutti zen e fate voi il salto di qualità (alè, un’altro salto🙄….occhio alle asticelle…. Ce ne lasciamo dietro dappertutto 😂😂) o non avete speranza 😀

SpakkaLaGobba
Utente
SpakkaLaGobba

Tanto per scherzare, la Gazzetta dello Sport sarebbe dovuta uscire con questo titolo allora: Il Toro tifa Cina✊😂😂😂

tarzan_annoni
Utente
tarzan_annoni

ahahahah, perfetto