Il Torino e la questione delle strutture sportive. Ne ha parlato Cairo, tra l’arrivo di Bellino e l’invidia per il convitto della Spal…

Il Torino è un cantiere dentro il campo, perché a Juric ancora manca una squadra definita. Fuori dal campo, invece, di cantieri ancora non se ne vedono. Non ci sono al Filadelfia, per completare un centro sportivo nato incompleto nel 2017 e ancora bisognoso di interventi (oltre alle vele anti-spioni, da ristrutturare, mancano sala mensa e sala relax, oltre al Museo). Non ci sono – ma arriveranno – al Robaldo, una struttura che il club ha preso in concessione nel 2016 e che dovrebbe diventare il centro nevralgico delle giovanili: solo adesso sono arrivati i permessi per costruire, dopo un iter burocratico reso interminabile da tanti colpevoli, tra il Comune e la società di Cairo.

Cairo sul Robaldo: “Potevamo fare di più”

Proprio il presidente, nella conferenza stampa di presentazione del nuovo allenatore, ha parlato a più riprese della questione delle strutture sportive. Che sono un problema, e il patron lo ha nascosto solo velatamente. Sul Robaldo non ha tralasciato le consuete frecciate. Non è certo la prima volta: si ricordino, ad esempio, gli attacchi frontali alla sindaca Appendino. Cairo si è espresso in questi termini: “Adesso non voglio parlare del Comune, ma penso che anche noi potevamo fare di più. Se io avessi fatto io il direttore con l’incarico di trovare una soluzione per far partire i lavori penso che l’avrei trovata, ma non posso fare tutto io”. Il dito, stavolta, lo ha puntato all’interno della sua società.

L’invidia per la Spal: “Sarebbe bello avere quelle strutture…”

Pochi giorni fa, Cairo l’ha stravolta, inserendo nell’organigramma anche Paolo Bellino dopo gli addii di Antonio Comi e Massimo Bava. Bellino, amministratore delegato di Rcs Sport, è entrato nel CdA proprio con la delega agli impianti sportivi, per i quali è necessario un cambio di passo. Altrimenti, resterà solo l’invidia verso i progressi delle altre società italiane. Anche questo è uno stralcio della conferenza stampa di Cairo, che ha accolto così il nuovo responsabile del settore giovanile Ruggero Ludergnani (arrivato dalla Spal): “Ho visto un video del convitto delle giovanili della Spal e ho pensato che fosse molto bello, che anche al Torino sarebbe bello avere queste strutture”.

TAG:
home

ultimo aggiornamento: 10-07-2021


14 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Ultrà
Ultrà
3 mesi fa

ma quando andava di moda…Novarello…

0 abbonamenti 0 merchandising unico modo per liberarci di cairo
0 abbonamenti 0 merchandising unico modo per liberarci di cairo
3 mesi fa

Ma cosa lanci frecciatine, tira fuori il cash beté

Ultrà
Ultrà
3 mesi fa

L’invidia fa ad altri la fossa e poi vi casca dentro…Falsità, calunnia, inganno sono gli strumenti dell’invidia…L’invidia è una bestia che rode le proprie gambe, quando non ha altro da rodere…Se l’invidia si guardasse allo specchio arrossirebbe…L’invidia somiglia alla gramigna, che mai non muore, e da per tutto alligna…Dall’invidioso guardati… Leggi il resto »

Torino, la Mole e il Museo Egizio sulle nuove maglie d’allenamento: le foto

Juric, la fiducia a Cairo non è senza condizioni. E con i suoi ex presidenti…