Cereser, messaggio al Torino per il derby: “Per vincere bisogna osare”

di Andrea Flora - 3 Maggio 2019

Cereser all’inaugurazione del monumento per il Grande Torino al Campo Volo da cui è partito e dove sarebbe dovuto atterrare l’aereo degli Invincibili

Al Campo Volo di Torino è stato inaugurato il monumento dedicato alla tragedia di Superga, in quello che un tempo era l’aeroporto della città e dove sarebbero dovuti tornare giocatori, giornalisti e dirigenti del Grande Torino. E’ intervenuto all’inaugurazione anche una bandiera granata come Angelo Cereser: vicino al monumento dedicato agli Invincibili, l’ex difensore ha parlato delle emozioni che trasmette il 4 maggio a tutto l’ambiente del Toro e quello che vuol dire la tragedia del Grande Torino, l’evoluzione della mentalità di tutti coloro, grandi e piccini, che hanno vestito la maglia granata dopo la tragedia: “Sono esterrefatto dall’amore e dall’affetto dei tifosi che rimane immutato nel tempo. Si vede negli ovcchi della gente l’amore per quella squadra e la voglia di riviverla e ricordarla mediante questa giornata. A differenza dei risultati, queste emozioni e queste giornate le rivivi ogni anno”.

Cereser: “La forza del mio Toro è nata dal Grande Torino”

Cereser ha poi parlato del suo Toro: “La nostra forza, quello della squadra dei miei tempi, è nata lì dal ricordo dei giocatori del Grande Torino. Noi abbiamo fatto di tutto per emularli, non cercando di imparare o facendoci insegnare a giocare come loro, ma per crescere come uomini, come loro; imparare per poi insegnarlo ai ragazzi che venivano dopo di noi, tutto nel segno del Grande Torino”. E poi un messaggio anche in vista del derby di domani: “Abbiamo dovuto cambiare la mentalità: per vincere bisogna osare”.

più nuovi più vecchi
Notificami
andrepinga
Utente
andrepinga

se osiamo ne prendiamo 4

tarzan_annoni
Utente
tarzan_annoni

Osare non vuol dire giocare all’ arrembaggio….per me significa giocarsi la partita e non solo subire, sperando nella fortuna o nella casualità

gix
Utente
gix

non avere infortunati e squalificati per la/le prossime sarebbe già una buona cosa,poi se riusciamo anche a fare punti ottimo SFT

thethaiman
Utente
thethaiman

Razionalmente so che da stasera saremo praticamente ottavi, la prendo così sennò mi viene l’ansia. Per gli addetti ai lavori c’è lo sfogo del campo, per i tifosi è molto più dura sopportare l’attesa. Neppure Freud mi aiuta. Giornataccia……..per ora!

tarzan_annoni
Utente
tarzan_annoni

Da dimenticare, questa giornata. Ansia da paura, mal di stomaco, sigarette fumate il doppio del normale. Già visto tre servizi sugli Invincibili……fossi uno che stasera gioca sarei carico come una molla