Ecco chi è Devis Vasquez, portiere colombiano classe 1998 che è stato portato in Italia dal Milan nel gennaio del 2023

Il Torino è alla ricerca di un portiere che possa prendere il posto di Luca Gemello come secondo portiere. Il classe 2000 ha infatti lasciato la squadra a parametro zero, e il ds Vagnati per sostituirlo sta pensando a Devis Vasquez del Milan. Il portiere colombiano è reduce dall’esperienza in prestito all’Ascoli e potrebbe arrivare a vestire la maglia granata. Tutto quello che c’è da sapere su di lui.

Chi è Vasquez: la carriera

Nato a Barranquilla nel maggio del 1998, Devis Vasquez ha iniziato a giocare a calcio in Colombia già da piccolissimo. Nonostante tutti gli amici sognassero di far gol, il giovane Devis ha sin da subito fatto una scelta in controtendenza, decidendo di indossare i guanti e piazzarsi in porta, e questo ha fatto le sue fortune. Partito dal settore giovanile del Cortuluà, Vasquez è passato poi ai Patriotas e La Equidad, senza però mai giocare. L’esordio tra i professionisti è arrivato grazie al Guaranì, nel momento in cui il portiere ha preso un’altra – importantissima – decisione per la sua carriera, scegliendo di lasciare tutti gli affetti per trasferirsi in Paraguay. Lì è riuscito a emergere tra i pali, attirando su di sé gli occhi di alcune squadre europee tra cui il Milan, che nel gennaio del 2023 ha affondato il colpo acquistandolo per circa 800mila euro.

Le esperienze tra Italia e Inghilterra

Bloccato in primis da Maignan, i primi 6 mesi di Vasquez al Milan sono stati trascorsi tra panchina e Primavera, con l’obiettivo di maturare soprattutto dal punto di vista mentale. All’inizio della scorsa stagione il colombiano è poi passato in prestito allo Sheffield Wednesday, in Serie B inglese, dove ha giocato le prime partite prima di diventare il portiere di riserva. A gennaio i rossoneri lo hanno richiamato girandolo all’Ascoli. Nelle Marche Vasquez è riuscito a emergere con buone prestazioni togliendo il posto da titolare a Viviano, ma nonostante questo non ha potuto evitare la retrocessione dei bianconeri.

Vasquez e il Torino, destini incrociati

Il nome di Vasquez non è sconosciuto o nuovo per il Toro, perché i due si sono già incrociati. In occasione del Torneo di Viareggio del 2017, infatti, il portiere colombiano ha sfidato i granata nella fase a gironi, quando difendeva i pali dell’Inter Palmira. La partita è finita 3-0 per i torelli e, casualità della sorte, in panchina ai tempi c’era anche Alessandro Buongiorno.

Davide Vagnati
Davide Vagnati
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 03-07-2024


26 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
tric
21 giorni fa

Ma dalla Spal…?

Ubot
Ubot
21 giorni fa

Cairo sei solo un in fa me

granatadellabassa
21 giorni fa

Come curriculum non è sto granché ma certamente più esperto di Gemello e Popa messi insieme. Poi se lo hanno preso al Milan è perché qualcosa ci avranno visto. Vediamo se va in porto.

thethaiman
21 giorni fa

Tipo Pellegri?

10genà
10genà
21 giorni fa

bah forse qualche tipo di indennizzo ai narcos colombiani per la bonza e le migno.tte nelle serate Bunga Bunga

Diritti Tv 2023-2024, il Torino chiude all’undicesimo posto

Lo stipendio di Buongiorno: quanto guadagna il difensore del Torino