Parte 2 / L’inchiesta sul Robaldo. La presidente della Circoscrizione 2, Luisa Bernardini, in esclusiva a Toro.it: “Si scarica il barile dove è possibile”

Alla data di pubblicazione del bando che offriva in concessione il centro sportivo Robaldo, la Circoscrizione che ora è la numero 2 si chiamava ancora 10. Segno dei tempi. Dal 23 dicembre 2015 al febbraio 2021 intercorrono più di cinque anni e due amministrazioni comunali. Quasi tre, viste le imminenti elezioni. Della attesa riqualificazione dell’area ancora non c’è traccia. Tanto meno della “cittadella granata” che avrebbe dovuto sorgere in strada Castello di Mirafiori 285. I 45.000, e più metri, quadrati sono ad oggi un sogno diroccato. “Il nostro interesse sul progetto resta molto alto”, ci racconta Luisa Bernardini, presidente della Circoscrizione 2, “per una questione di riqualificazione e per a possibilità di utilizzare lo sport come strumento di recupero”.

Il Robaldo e quelle (mancate) possibilità di utilizzo a carattere sociale

Sì, perché la costruzione del centro sportivo destinato alle giovanili del Torino F.C. (dall’Under 18 in giù), garantirebbe al territorio di avere a disposizione almeno uno dei cinque campi per “una serie di opportunità di utilizzo a carattere sociale”. Parole, queste, utilizzate nella delibera della giunta comunale – datata 4 agosto 2020 – con cui si dava il definitivo via libera all’opera, tutt’ora ferma per altri (ennesimi) intoppi burocratici, come vi spiegavamo su queste pagine, legati ai permessi per costruire.

Dalla Circoscrizione 2: “Abbiamo fatto tutto il possibile”

Bernardini ci spiega: “Per quanto riguarda le pratiche noi abbiamo fatto quello che era in nostra possibilità e siamo in attesa di capire dal Comune, ma senza dare colpe a nessuno: sono questioni che noi non seguiamo direttamente. Siamo spettatori, in questa fase, ma mi auguro che questa situazione venga chiarita”. Il dubbio che, a sei mesi da quello che sembrava il definitivo placet prima dell’inizio dei lavori, qualcuno degli attori stia meditando un passo indietro, la presidente della Circoscrizione lo spazza via senza indugio né sicurezza: Spero di no. Anche perché la Città ha interesse che le cose vadano avanti”.

Lo scaricabarile sul Robaldo

Ben più secca è invece la smentita alle parole dell’ex assessore allo sport del Comune di Torino, Sbriglio, che in un’intervista a Torino Granata, aveva dichiarato, a proposito del Robaldo: “Ci sono problemi in Circoscrizione”. Qui si scarica il barile dove è possibile, risponde Bernardini a Toro.it, “di problemi in Circoscrizione non ce ne sono. Per di più Sbriglio non è più nella macchina amministrativa e parla da esterno”. A quanto abbiamo appreso, tutte le problematiche che riguardavano direttamente la Circoscrizione – su tutte, la viabilità – sono state superate proprio dall’intervento della giunta di agosto. Lì si definiva “urgente” la riqualificazione. Lettera morta. Per tutti, fin qui, il Robaldo è una sconfitta.

Robaldo
Gli spogliatoi del Robaldo
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 28-02-2021


6 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Pedric
Pedric (@giorgia2004)
9 mesi fa

Non verrà mai fatto niente.
Lo scrissi già due anni fa suscitando lo sdegno di qualche fesso qua sopra. Ora spero che un barlume di consapevolezza sia entrato nella mente di ciascuno (tipografi e penni nine esclusi ovviamente).

ale_maroon79
ale_maroon79 (@ale_maroon79)
9 mesi fa

La macchina burocratica è quel che è, sappiamo che in Italia ci vuole mediamente piu che altrove per avviare opere e cantieri. Detto questo, non veniamoci a raccontare barzellette che il Robaldo è in questa condizione solo per colpa della PA: se in 5 anni la società Torino FC non… Leggi il resto »

salacercipersempre
salacercipersempre (@salacercipersempre)
9 mesi fa

…di solito una società esercita le lobby necessarie alla tutela delle proprie strategie in proporzione al desiderio di attuarle…gli odiati cugini ne son fulgido esempio…c’è allora semplicemente da chiedere al Torino FC che tipo di lobby sta esercitando per attuare la sua strategia…a mal pensare potrebbe essere quella del parlare… Leggi il resto »

Nkoulou, Bremer, Izzo e Lyanco: il mercato può cancellare la difesa

Venneri a Tiki Taka: lo speaker del Toro ospite di Chiambretti