Il Comitato di difesa del Toro lancia la manifestazione per il 5 dicembre alle ore 15: più di 50 club hanno già aderito

Si chiama “Il Toro non deve morire”, la manifestazione indetta dal Comitato di difesa del Toro per il prossimo 5 dicembre, a soli due giorni dal 115° anniversario della fondazione del Torino. Si svolgerà a Torino a partire dalle ore 15 ed è rivolta a tutti i tifosi granata. Gli organizzatori si pongono come obiettivo quello di “difendere i valori che da sempre contraddistinguono i tifosi granata: orgoglio, unicità, passione, storia leggendaria, fratellanza. Valori che nel corso degli ultimi tre lustri sono stati minati alle fondamenta, valori che stanno scomparendo, che ci stanno portando giorno dopo giorno a divenire una tifoseria rassegnata, umiliata e divisa, destinata al declino ed all’oblio”. Il bersaglio, insomma, è la gestione del presidente Cairo, al quale viene esplicitamente chiesto di vendere la società. Sono più di cinquanta, i club che hanno aderito al Comitato e alla manifestazione, già anticipata da alcuni striscioni di contestazione comparsi davanti allo stadio Filadelfia.

TAG:
home

ultimo aggiornamento: 14-11-2021


13 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
tric
tric
11 giorni fa

Questa manifestazione non può che far del bene al Toro! Giocatori ed allenatore saranno inebriati ed elettrizzati da questa iniziativa e voleranno direttamente in Europa.

Andreas
Andreas
11 giorni fa

“difendere i valori che da sempre contraddistinguono i tifosi granata: orgoglio, unicità, passione, storia leggendaria, fratellanza. Valori che nel corso degli ultimi tre lustri sono stati minati alle fondamenta, valori che stanno scomparendo, che ci stanno portando giorno dopo giorno a divenire una tifoseria rassegnata, umiliata e divisa, destinata al… Leggi il resto »

Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ).
Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ).
11 giorni fa

Leggo adesso : punto di ritrovo il Fila.

Juric ha un problema in trasferta: il Toro fatica

Brekalo è tornato in campo: un quarto d’ora con la Croazia