Torino, a Crotone poca concretezza e troppe palle perse

2
Niang
17.09.2017 - Torino - Serie A 4a giornata - Torino-Sampdoria nella foto: M'Baye Niang

I numeri di Crotone-Torino: 10 tiri in porta per i granata che hanno patito il cinismo degli uomini di Nicola. Il 61% di possesso palla non paga

Pecca in concretezza il Torino di Mihajlovic che a Crotone agguanta il secondo 2-2 consecutivo solo all’ultimo respiro, grazie alla rete di De Silvestri. Sono bastate 3 conclusioni in porta ai ragazzi di Nicola per portarsi due volte in vantaggio, con Rhodén e Martella e sfiorare un successo davvero imprevisto alla vigilia. Al Toro ne sono servite 10, invece, per bucare il muro Cordaz che può vantare ben 6 parate, di cui almeno 4 decisive, contro una soltanto realizzata da Sirigu (quella determinante su Nalini). Emerge, chiara, la difficoltà offensiva dei granata, autori di ben 16 occasioni da gol, contro le 6 dei padroni di casa. Anche il possesso palla ha sorriso ai granata che hanno racimolato il 61% totale. Il campo, però, ha dato conto di una sterilità piuttosto evidente con la palla tra i piedi, spesso limitata ad una serie di passaggi orizzontali, in particolare nel primo tempo.

Non ingannino questi numeri: il Crotone non è certo stato a guardare. Soprattutto nel primo tempo, i calabresi hanno imbrigliato la manovra granata giocandosela senza paura. E il baricentro mediamente alto (50,85 m contro i 56,65 dei granata) tenuto per l’intero corso del match ne è la dimostrazione più evidente. Le 33 azioni manovrate dei granata sono passate in particolare dal centro, vista l’ottima azione contenitiva del 4-4-2 calabrese sulle iniziative in fascia: ben il 65% degli attacchi è passato dalla catena centrale, il 15% da destra e il 20% da sinistra. Ma un dato, su tutti, balza agli occhi: il Torino ha perso 48 palloni nel corso del match, contro i 28 del Crotone. E se a ciò si aggiungono anche i 42 passaggi sbagliati ecco che si evince come la manovra messa in mostra da Ljajic e compagni sia stata spesso confusa e faticosa. Leader della ben poco lusinghiera classifica dei palloni persi è Umar Sadiq, con 11 sfere regalate agli avversari, seguito a ruota da Rincon, a quota 7. Dati preziosi su cui riflettere. Contro la Roma, servirà un altro Toro.

 

  Iscriviti  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
ExIgneFaxArdetNova
Utente
ExIgneFaxArdetNova

Con la Roma un altro strazio temo. Meno male che non andrò a vederla.

Massimo 1963 (lamaratona2.0)
Utente
Massimo 1963 (lamaratona2.0)

C’è poco da stare allegri…