Da Segre con la maglia di Dybala ai like di Soriano passando per Mazzarri e l’esempio Chiellini: tutte le gaffes del derby della Mole

Non è particolarmente speciale per me. È una maglia come un’altra. È la maglia di un avversario“, ha spiegato ieri Rincon durante un’intervista in vista del derby, parlando della maglia della Juventus. Maglia che il centrocampista ha vestito in passato. Una dichiarazione che certamente farà piacere ai tifosi del Toro come aveva fatto piacere sentire un’altro grande granata, Kamil Glik, confessare che “La maglia granata è mia e me la tengo”. Altro che scambi di maglia con i bianconeri. Dichiarazioni a cui, però, non si è più abituati in casa Toro, dove negli ultimi anni a farla da padrone sono state uscite di ben altro livello.

Segre, la maglia di Dybala e i divieti di Longo

Che il terreno diventi improvvisamente scivoloso e particolarmente pericoloso, soprattutto in termini di immagine e comunicazione, in periodo derby è ormai un dato di fatto. Basta pensare a quanto successo con Segre lo scorso anno. In campo, visti i pochi minuti a disposizione, la prestazione del granata era passata, per così dire, abbastanza inosservata. Al contrario, a scatenare il putiferio è stato un post sul suo profilo Instagram nel quale il ragazzo, in divisa ufficiale granata, reggeva sorridente la maglia di Dybala. Non certo quella che si può definire una brillante idea, soprattutto visto l’ennesimo ko a cui il Toro era andato incontro proprio nella stracittadina di qualche ora prima.

Un regalo per un parente argentino” aveva poi spiegato Jacopo Segre scusandosi con i tifosi ovviamente imbestialiti. Come a fare infuriare, negli ultimi anni, è anche quell’ormai tradizionale abitudine ben poco consona, per la verità, durante un derby, di scambiarsi le maglie. E lo sapeva bene Longo che nella sua parentesi sulla panchina del Toro aveva vietato proprio gli scambi di maglia tra i suoi giocatori e quelli della Juventus.

Soriano e quei “like”…per errore

Restando in tema foto e social network, prima di Jacopo Segre era stato un altro granata a cadere nella trappola di Instigram. Si tratta di Soriano che pur non essendo sceso in campo nel derby del dicembre 2018 è stato certamente uno dei più chiacchierati. E non in positivo. La colpa? Qualche like di troppo alle foto che i bianconeri hanno postato sui rispettivi profili Instagram. Ad attirare l’attenzione era stato inizialmente quello messo dal giocatore ad una foto di Ronaldo. E come se non bastasse, la foto era quella che ritraeva l’attaccante bianconero nel momento del rigore che avrebbe regalato la vittoria alla Juve.

Anche in questo caso, prontissime sono state le scuse del giocatore che aveva definito “un errore” la reazione alla foto eliminando proprio il like in questione. Ma se sbagliare è umano, il problema è perseverare come insegnano i saggi. E a dimostrarlo arriva un altro “mi piace” di Soriano, quello spuntato poco dopo sotto la foto di un altro bianconero: Dybala.

Mazzarri e i derby: quando l’esempio diventa scomodo

E se questi esempi dimostrano quanto ormai la dipendenza dai social, in alcuni casi, può diventare seriamente imbarazzante facendo piombare i mal capitati di turno in gaffes difficili da giustificare, peggio è quando a farla, quella gaffe, è l’allenatore in conferenza stampa. Citare un giocatore avversario ergendolo a grande campione da cui trarre ispirazione, di per sé, non è certo un peccato. Soprattutto se ad essere presi ad esempio sono i grandi nomi del calcio nostrano o addirittura mondiale.

Quando però a pochi giorni dal derby della Mole in casa Toro quell’esempio diventa Chiellini allora la musica è decisamente diversa. E’ quello che è capitato a Mazzarri che per spiegare quali sono i giocatori che vuole vedere in campo nel suo Toro prende ad esempio proprio il difensore bianconero: “E se vorranno rimanere a certi livelli dovranno essere umili. Io faccio l’esempio di un giocatore che ho allenato, Chiellini“. E dire che di esempi, il Toro ne sarebbe pieno: da Mazzola a Ferrini, da Pulici a Graziani, Bruno e Annoni. Se ne potrebbero elencare a decine: non era più semplice sceglierne uno?

Ronaldo e Belotti
Ronaldo e Belotti in Juventus-Torino
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 03-04-2021


2 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
ale_maroon79
ale_maroon79
6 mesi fa

Io aggiungerei anchela non-esultanza di Quagliagobbo in occasione del gol partita dell’ultimo derby vinto.
Lo so, ormai è roba di secoli fa, ma mi dà ancora fastidio quando capita di ricordarmelo…

Ultrà
Ultrà
6 mesi fa

Grande Redazione…un bell’articolo acchiappa click…citando alcuni dei c0gli0ni che come sono arrivati…se ne sono andati…lasciando amarezza e incazz@ture…per chi ci crede ancora!

Belotti fa 200 con il Toro: ecco la maglia celebrativa

Cairo e il confronto col passato nei derby: il Toro prima non perdeva così tanto