Il presidente del Torino, Cairo, è stato il main sponsor del blocco alle retrocessioni in caso di nuovo stop della Serie A. Ma il Consiglio Federale lo boccerà

Come una semifinale di Champions League: vincere, anche con un buon punteggio, in casa non equivale a passare il turno. Urbano Cairo, dopo aver incassato il sì della Lega di Serie A, ora rischia la sconfitta in trasferta, nella partita decisiva. Il Consiglio Federale in programma oggi, lunedì 8 giugno 2020, è pronto a bocciare la proposta dell’Assemblea: bloccare le retrocessioni in caso di nuovo stop al campionato qualora non fossero già matematicamente determinate. Una causa perorata in prima fila proprio dal presidente del Torino e che aveva trovato supporto soprattutto nelle altre compagini che temono per la classifica: Sampdoria e Udinese su tutte, ma anche Lecce e Genoa.

La partita politica verso il Consiglio Federale

Venerdì scorso, la mozione era passata con sedici voti favorevoli e un solo contrario, il Milan. Ma non tutti i club sono fermi sostenitori del provvedimento, inserito (e votato) in un pacchetto che prevedeva anche la linea dura contro l’algoritmo e la non assegnazione dello Scudetto, sempre in caso di definitiva sospensione della Serie A.

Alle ore 12 si riunirà il Consiglio Federale che, lo ricordiamo, consta di tre membri della Lega di A su ventuno totali. Difficilmente, insomma, il blocco alle retrocessioni – osteggiato in primis dal presidente Gravina – passerà il vaglio della Figc. Servirebbero undici voti, quasi impossibile raccoglierli.

L’ammissione di Preziosi e la sconfitta di Cairo

A riconoscerlo, ieri, è stato tra gli altri il presidente del Genoa Preziosi: “Prevedo che la nostra richiesta di un blocco delle retrocessioni in caso di nuova interruzione del campionato non venga presa in considerazione”. Facile profeta, il patron del Grifone, che come Cairo teme la B d’ufficio.

Il blocco avrebbe ricadute disastrose sulle prossime stagioni. Come si gestirebbero le promozioni dalla Serie B, in primis del Benevento? E’ possibile giocare una A a 22 squadre nell’anno dell’Europeo e con l’inizio già posticipato? Punti, tra gli altri, che mettono Cairo e gli altri presidenti di fronte alla realtà.

Per il numero uno del Toro è in arrivo un’altra sconfitta. Dopo essersi convinto a fatica a ricominciare la stagione – ne proponeva infatti la sospensione, nei giorni della massima emergenza coronavirus -, ora non otterrà nemmeno la certezza della salvezza in caso di nuovo stop. Nonostante il timido appoggio trovato in Serie A.

Steven Zhang e Urbano Cairo Torino-Inter
Steven Zhang e Urbano Cairo Torino-Inter
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 08-06-2020


Baselli operato: intervento perfettamente riuscito. In campo fra almeno 6 mesi

Bava, il cambio in Primavera non è un bel segnale: permanenza a rischio