Gravina-Spadafona la riunione del 10 aprile 2020 sulla ripresa del calcio

Gravina-Spadafora, altro vertice per la ripresa del calcio

di Giulia Abbate - 10 Aprile 2020

In programma un’altra video-riunione tra il presidente della Federcalcio Gravina e il ministro dello Sport Spadafora per la ripresa della attività

E’ programmata per questo pomeriggio la riunione, l’ennesima di questo periodo di emergenza, tra il presidente Federcalcio Gravina e il Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora. Una videoconferenza nella quale dovrà essere fatto il punto della situazione in merito alla possibilità di riprendere gli allenamenti e, conseguentemente, anche il campionato di Serie A. I club, come ormai noto, vorrebbero ripartire appena passate le festività pasquali e a richiederlo è soprattutto il patron della Lazio e della Salernitana Lotito. Tuttavia, come anticipato in questi giorni da tutti gli organi di stampa, il Governo sembrerebbe fortemente intenzionato a prolungare il lockdown e di conseguenza anche lo stop alle attività sportive.

Tra ritiri blindati e tagli di stipendi: la ripresa del calcio

Una nuova riunione, dunque, per cercare di trovare un punto d’incontro tra tutte le parti coinvolte: Governo, Federazione e giocatori. E senza dubbio all’ordine del giorno ci sarà anche il vaglio della proposta di tornare a lavorare ma con ritiri del tutto blindati. Almeno per quelle società che possiedono un centro sportivo adatto.

Intanto, un altro tema di discussione resta quello degli stipendi. Un nodo difficile da sciogliere per Gravina che ieri ha nuovamente incontrato in videoconferenza i rappresentanti delle leghe professionistiche e dei calciatori e allenatori. Le scadenze seguiranno l’andamento della stagione fermo restando, tuttavia, che al 30 giugno andranno saldati tutti i pagamenti. L’unica eccezione è rappresentata dalle sospensioni o dai tagli concordati direttamente dai club con i loro tesserati.

Vincenzo Spadafora
Vincenzo Spadafora