Tre pareggi e due vittorie, gli interventi di Joe Hart salvano il risultato di 5 match in questa prima parte di stagione e regalano al Toro 9 punti

Chiudere il 2016 con una vittoria e per di più a rete inviolata è sicuramente stato un risultato positivo per la classifica e per il morale. La pausa natalizia e la sessione invernale di calciomercato dovranno però portare in regalo a Mihajlovic e ai suoi uomini rinforzi importanti, soprattutto in difesa: senza dubbio il reparto che sta dimostrando di avere più problemi.

Ma in attesa dei movimenti della società, il Toro si può coccolare una delle certezze di questo campionato. Dal suo approdo in magia granata, Joe Hart è diventato uno dei simboli della formazione di Mihajlovic, capace di dare fin da subito una buona dose di sicurezza al reparto arretrato. Una sicurezza che si trasforma in punti: l’estremo difensore granata, infatti, si è dimostrato il classico portiere in grado di regalare punti importanti alla propria squadra, tanto che per il Toro, la sua presenza tra i pali vale ben 9 punti in classifica.

I primi due punti targati Hart, il Toro li incassa con i due pareggi di Empoli e Pescara. Contro i toscani, il Toro non gioca certo una partita brillante e nel secondo tempo gli ospiti si fanno più pericolosi. Il portiere granata è però una sicurezza e l’uscita provvidenziale al 74’ salva il Toro, che chiude il match sullo 0-0. Stesso risultato con un intervento analogo di Hart anche per la trasferta pescarese: prima salva i granata al 28’ del primo tempo respingendo al volo una gran conclusione di Verre poi al 75’ della ripresa protegge il risultato e regala, letteralmente, il pareggio al Toro.

CAMPO, 4.12.16, Genova, stadio Luigi Ferraris, 15.a giornata di Serie A, SAMPDORIA-TORINO, nella foto: Joe Hart

Dopo due pareggi consecutivi, il Toro è atteso dalla difficile sfida casalinga contro la Roma. Una partita che si fa da subito ostica, giocata su ritmi alti da entrambe le formazioni e con i giallorossi che premono fin dall’inizio. Hart non si fa però trovare impreparato e dopo appena 4 minuti di gioco anticipa Dzeko con i pugni dopo una brutta copertura della difesa granata che si fa sfuggire il giallorosso. Alla mezz’ora del primo tempo, altra spettacolare parata in due tempi sempre su Dzeko mentre nella ripresa, da ricordare l’intervento al 72′ su una pericolosissima conclusione di Peres e la gestione di un retropassaggio a dir poco azzardato di Zappacosta a poco più di 5 minuti dal termine del match. Una prestazione di altissimo livello per Hart che resiste agli attacchi dei giallorossi proteggendo la porta e la vittoria granata in un Grande Torino in visibilio.

La squadra di Mihajlovic può contare su un’ottima partita di Hart anche contro l’altra romana. Nel 2-2 contro la Lazio il portiere inglese, al 35’ del primo tempo, è bravo ad uscire su un pericoloso contropiede di Keita coprendo la porta, poi a pochi minuti dal fischio finale è di nuovo protagonista di un salvataggio vitale per il Toro, respingendo col piede una conclusione a botta sicura di Cataldi.
E per concludere l’anno in bellezza, Hart non si risparmia nemmeno contro il Genoa salvando prima il pareggio, nel primo tempo, con un paio di importanti interventi prima su Cofie e poi su Simeone e permettendo al Toro, nella ripresa, di tornare alla vittoria, dopo 3 sconfitte consecutive, grazie ad alcune ottime uscite tra cui un ottimo salvataggio su Ninkovic.

Insomma, 3 pareggi e 2 vittorie per il Toro ottenute anche grazie alle parate provvidenziali di Joe Hart: 9 punti totali che fanno del portiere granata un valore aggiunto non solo del reparto difensivo ma di tutta la formazione di Mihajlovic.


86 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
rimbaud
rimbaud
5 anni fa

Mi pare che anche contro la viola abbia molti interventi decisivi, uno su colpo di testa ravvicinato su Kalinic.

Gianky1969
Gianky1969
5 anni fa

Hart ha grandi qualità complessive, ma per quelle prettamente tecniche (al netto della simpatia, del carisma e della immediata voglia di rilanciare la palla in avanti quasi spingendo pure la squadra), in ITALIA, non vale 4 mln di euro di stipendio. Certamente è un calcolo per eccesso quello fatto dalla… Leggi il resto »

Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
5 anni fa

e come non capire Joe, sente puzza di pesce stantio. D’altra parte secondo me Padelli e’ meglio!!! A parte gli scherzi, ma 4 testoni/anno per un portiere, Cairo lo accetterebbe solo cinese x vendere magliette la’.

Toro, centrocampo di qualità, ma urgono rinforzi: dietro i titolari c’è il vuoto

Iago Falque: “A Torino accoglienza unica e speciale”