Calciomercato Torino / Juric vuole dettare la linea a Cairo per le scelte strategiche: più giovani, niente acquisti milionari

“Sono più aziendalista del presidente”. Con queste parole, pronunciate dopo la vittoria contro il Bologna, Ivan Juric ha voluto ribadire, una volta di più, che lui non vuole solo distruggere il Toro nel quale è sbarcato a luglio, spazzando via vecchie prassi e instabili strutture organizzative. Vuole contribuire a costruirne uno nuovo. Altro che rottamatore, il croato vuole insomma accreditarsi agli occhi del patron Urbano Cairo come il primo dei costruttori. Anche a costo di andare in conferenza stampa, di tanto in tanto, e lanciare strali contro la società tutta: dall’area medica alla direzione sportiva.

Il progetto di Juric per cambiare il Torino

Le parole di Juric, mese dopo mese, si sono trasformate da “grido di disperazione” (per il mercato, parole sue del 29 agosto) a un manifesto politico. In un bignami, il tecnico lo ha espresso proprio dopo il Bologna: “Qui non devono fare acquisti milionari ma creare giocatori in casa, investendo su giocatori che abbiano qualità per giocare bene e crescere. A discapito mio va questo discorso, perché per i giovani serve tempo: solo che se poi crescono la squadra è una squadra vera. Quando dico qualcosa sembra che si debba comprare, io invece sono aziendalista più del presidente, bisogna essere economicamente stabili e avere certe idee”. Per riferirsi al Toro attuale: ben venga uno come Zima, difensore classe 2000 arrivato in estate per 5 milioni, che sta trovando spazio scalzando un veterano come Izzo.

Acquisti come Verdi? No, grazie

Secondo Juric è deleterio, invece, investire più di 20 milioni su un solo giocatore, come è accaduto per Verdi. E’ un azzardo economico che non produce valore sul lungo periodo (e, nel caso di Verdi, nemmeno sul breve periodo). Per tutto questo, il tecnico ora pretende di contare di più nelle scelte, perché pensa di avere la soluzione per scrivere un pezzo del futuro del Torino. Più giovani da sgrezzare, meno acquisti strapagati: è da vedere se Cairo raccoglierà questo, imperioso, suggerimento.

Ivan Juric
Ivan Juric
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 16-12-2021


7 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Rocc
Rocc
8 mesi fa

Sto guardando Barreca nel lecce. Nn male. Sulla sx cross velenosi e anche assist. Bravo . Lo riprenderei a occhi chiusi

Mikechannon
Mikechannon
8 mesi fa

Ho visto qualche settimana fa Sanchez Mino farsi una tosta partita nell’Estudiantes. Cattiveria e tecnica. Eppure bocciato subito. Capisco, volevano alzare il livello,se visto

Troposfera Granata
Troposfera Granata
8 mesi fa

Io credo che Juric saprebbe già suggerire i nomi giusti. Per di più ha la nomea di allenatore che fa crescere e lancia i giovani; se la dirigenza lo assecondasse, dopo un po’ ci sarebbe la coda di scout e procuratori a proporre giovani in gamba.

Ansaldi, la Samp per mettere minuti sulle gambe

Cairo: “Bremer? Mai pensato di cederlo a gennaio. Poi vedremo…”