Con D’Amico, al Verona, Juric aveva un rapporto fraterno: con Vagnati l’intesa è da trovare. Ma con Warming…

Se Tony D’Amico, a Verona, era un fratello, Davide Vagnati è ancora quello zio che vedi a Natale, con il quale ti metti a parlare di chi vincerà lo scudetto per evitare argomenti più spinosi. Ivan Juric e il direttore dell’area tecnica del Torino non sono ancora sulla stessa lunghezza d’onda. A San Siro, nell’ultima partita prima della sosta, è però successo qualcosa di nuovo nel rapporto tra i due. Indirettamente, il tecnico ha dato a Vagnati un bel riconoscimento pubblico, descrivendo Magnus Warming come – potenzialmente – il “miglior acquisto di quest’anno”.

L’ascesa di Warming, scelto da Vagnati

Il gracile danese è atterrato in Italia in estate, scelto dal ds. Non lo conosceva nessuno. Juric lo ha sempre lasciato a guardare, prima di dicembre. Poi, in pochi giorni, gli ha concesso mezz’ora in Coppa Italia e gran parte del secondo tempo contro l’Inter. Una bella dimostrazione di fiducia verso il calciatore, ma anche un plauso – momentaneo – per il lavoro del dirigente.

L’intesa con Juric va costruita

È lontana, certo, l’intesa con D’Amico. I due, anche davanti ai microfoni, non hanno mai celato il rapporto schietto e amichevole che li legava. “Il nostro è un rapporto sincero sin dal primo giorno”, spiegava il direttore. “Tony è fantastico, abbiamo un rapporto fraterno”, gli faceva eco l’allenatore. D’altronde, ai tempi del Mantova, Juric lasciava detto questo, nel suo manifesto calcistico: “Nelle società forti, il ds deve percepire le stesse cose che percepisce l’allenatore”. L’intesa vincente con Vagnati è ancora da costruire: chissà che non possa essere Warming, il primo vero passo in avanti.

Davide Vagnati
Davide Vagnati
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 27-12-2021


42 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
alinghi
alinghi
7 mesi fa

Per me era una semplice presa in giro ai danni della società e di Vagnati. Warming è infatti l’unico acquisto estivo al netto di prestiti gratuiti di prestiti in attesa di riscatto e di svincolati vedi Berisha

alinghi
alinghi
7 mesi fa
Reply to  alinghi

E speriamo che a Verona fosse D’Amico ad ascoltare Juric e non il contrario. Vagnati grazie alla rivalità con Bava ha distrutto mezzo settore giovanile

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
7 mesi fa
Reply to  alinghi

errore assoluto: Zima è stato comprato definitivamente. Quindi Warming non è stato l’unico. 2° errore, relativo: se io fossi un allenatore, per me uno di cui deteniamo il diritto (o addirittura l’obbligo) è come averlo acquistato. Anzi, è ancora meglio che averlo acquistato! Me lo provo per un anno intero… Leggi il resto »

Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ).
Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ).
7 mesi fa

Non so quanto questo pezzo possa essere credibile o meno, pero’ e’ vero che “ girano “ voci su una mancanza di feeling tra i due. C’e’ gia’ stato qualcosa di poco chiaro prima, con la partenza di Comi, del quale si sono perse le tracce…. boh? Penso che i… Leggi il resto »

mavafancairo
mavafancairo
7 mesi fa

il problema non è l’intesa fra Juric e Vagnati ma piuttosto l’ormai conclamata e recidiva (secondo me anche dolosa, dato che si protrae da 16 anni) incapacità di programmare da parte della Cairese Fc, che Juric ha coraggiosamente evidenziato prima della trasferta di Bologna: ‘…l’obiettivo era diverso, in generale, e… Leggi il resto »

Ansaldi: “A Torino si vive come in una famiglia. Voglio restarci fino a quarant’anni”

Il pagellone della difesa/ Da Bremer a Izzo, promossi e bocciati del girone d’andata