Nonostante il cambio di commissario tecnico il numero 10 granata è stato convocato ancora una volta nella propria nazionale

Domenica sera contro il Cagliari Adem Ljajic ha dato il via all’azione dell’1-1 con uno splendido passaggio smarcante per Ansaldi, poi ha impensierito Rafael con un paio di punizioni, infine ha sfiorato il gol con una conclusione dal limite che si è spenta di un nulla sul fondo. Ora il fantasista del Torino può festeggiare una nuova convocazione nella nazionale serba. Nonostante il cambio di ct avvenuto negli scorsi giorni, Slavoljub Muslin si è dimesso a causa delle divergenze con alcuni calciatori e al suo posto è stato nominato Mladen Krstajić, il numero 10 granata è stato chiamato nuovamente a far parte della nazionale della Serbia.

La nazionale balcanica ha già guadagnato la qualificazione al Mondiale in Russia del 2018, motivo per cui sarà ora impegnato in due test amichevoli: il 10 novembre Ljajic e i suoi compagni di squadra scenderanno in campo contro la Cina, il 14 novembre affronteranno invece la Corea del Sud.


9 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
ExIgneFaxArdetNova
ExIgneFaxArdetNova
4 anni fa

Un giocatore così non lo avevamo dai tempi di Mondonico 1.0, altro che balle. Poi certo è incostante e talvolta persino irritante. Se fosse perfetto non giocava qui o sbaglio?

Giovanni(Tore110)
Giovanni(Tore110)
4 anni fa

Ecco … a volte noi tifosi del Toro pretendiamo ciò che dentro di noi sappiamo non avverrà mai , questo mi fa incazzare. Sbagliamo a pensare che per i buoni giocatori possiamo essere un punto di arrivo ? Secondo me no … prospettive diverse

Giovanni(Tore110)
Giovanni(Tore110)
4 anni fa

Adem per noi è un giocatore imprescindibile con ancora margini di miglioramento notevoli soprattutto di tenuta mentale . Giocatore di classe superiore alla media , contento che sia con noi

T
T
4 anni fa

Io invece non mi aspetto nulla. I piedi non servono a nulla se non c’è la testa.

Torino, occhio alla bandierina: primo posto nella classifica dei fuorigioco

Mihajlovic rilancia Valdifiori e il 4-3-3: anche l’agente ora è più sereno