Contro l’Udinese può tornare titolare Bremer al fianco di Nkoulou: il ritorno al 4-3-1-2 può costare un turno di riposo a Lyanco

I tempi dei lunghi stop per infortunio e delle prestazioni deludenti sembra finalmente essere alle spalle, per Lyanco. L’arrivo sulla panchina del Toro di Marco Giampaolo ha di fatto cambiato le carte in tavola al difensore che, da quasi certo partente nella sessione estiva di mercato, ha saputo strappare fiducia e consensi tanto da guadagnarsi un posto da titolare. Diventando praticamente inamovibile nelle ultime settimane. Un’escalation che, tuttavia, potrebbe subire una brusca interruzione. E non certo per demeriti suoi visti: anche nel derby si è dimostrato attento e preciso con qualche salvataggio provvidenziale all’attivo che non sarà bastato al Toro ma che certamente ha confermato lo stato di forma e di crescita del brasiliano. E allora, se è vero che con Giampaolo Lyanco sembra tutto un altro giocatore, perchè privarsene?

Il 4-3-1-2 potrebbe rilanciare Nkoulou e Bremer

Non certo per una scelta tecnica. Piuttosto, a scombinare i piani potrebbe essere il ritorno anche solo momentaneo al 4-3-1-2. Fermo restando che il condizionale resta un obbligo che solo le formazioni ufficiali potranno eliminare, la possibile assenza di Ansaldi e Murru contro l’Udinese potrebbe costringere il brasiliano ad accomodarsi, almeno per un turno, in panchina. Con l’eventuale ritorno alla difesa a 4 e con Rodriguez impegnato, in quel caso, come terzino, la coppia di centrali potrebbe subire infatti qualche modifica. Soprattutto alla luce di quanto visto contro i bianconeri.

Giampaolo pensa a un piccolo turnover

Nella stracittadina oltre a Lyanco anche lo stesso Nkoulou, schierato a sorpresa al posto di un Bremer che sembrava titolare indiscusso e indiscutibile, ha saputo riconquistare la fiducia del tecnico che potrebbe dunque riconfermarlo. Magari al fianco proprio di Bremer rimasto in panchina. Insomma, Giampaolo potrebbe optare per un piccolo turnover che darebbe a Nkoulou e Bremer la chance di tornare a giocare insieme e a Lyanco un turno di riposo che non suona di certo come una bocciatura. Un cambiamento che potrebbe portare al Toro la consapevolezza di avere un terzetto di centrali (a cui può sempre aggiungersi lo stesso Rodriguez) di tutto rispetto, intercambiabili e adattabili senza perdere di efficacia. A prescindere dal modulo e dalle scelte tattiche.

Cristiano Ronaldo of Juventus FC and Lyanco Vojnovic of Torino FC compete for a header during the Serie A match betweem Juventus FC and Torino FC.
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 10-12-2020


3 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
michelebrillada
michelebrillada (@michelebrillada)
11 mesi fa

io penso che nkulu stia molto bene in panchina e lianko secondo me oggi è il più forte centrale che abbiamo (sa giocare a calcio non sbaglia mai un passaggio non ha paura dell’uomo non butta mai via la palla la gioca e bene io lo farei giocare più avanti… Leggi il resto »

Peterpann
Peterpann (@peterpann)
11 mesi fa

sono d’accordo

maurone
maurone (@maurone)
11 mesi fa

Va bene che la fase difensiva è cosa di squadra, ma da qui a definire i nostri tre o quattro con Rodriguez centrali evviva i è proprio troppo dopo 24 gol sul groppone in 10 partite! E provare qualcun altro che magari riesca anche a saltare per respingere di testa… Leggi il resto »

Toro, la corsa per la salvezza: calendari a confronto fino a Natale

Toro, riecco Pereyra: lo voleva Mazzarri, ora farebbe comodo a Giampaolo