Malagò sulla ripresa del campionato di Serie A il 13 giugno

Malagò: “Il campionato finirà? Bisogna avere la palla di vetro”

di Giulia Abbate - 14 Maggio 2020

Il presidente del Coni Giovanni Malagò interviene sulla ripresa del campionato di Serie A: “Al 99% in campo il 13 giugno”

Sta filtrando ottimismo, negli ultimi giorni, per quanto riguarda la possibile ripresa del campionato: dopo la conferma della ripresa degli allenamenti di squadra il 18 maggio, anche giovanni Malagò si è detto fiducioso sul rientro in campo. Intervenuto alla trasmissione “Non è un paese per Giovani”, in onda su Radio 2, il presidente del Coni ha dichiarato che “Al 99% la Serie A riparte il 13 giugno. La sfida tra alcuni medici e il CTS non la capisco. Si sta facendo di tutto per ricominciare, per mettere il sistema in condizione di ripartire“. Tuttavia, se la ripresa sembra dunque sempre più possibile, a destare qualche dubbio in più è che il campionato, una volta ripartito, arrivi davvero alla fine. “Per sapere poi quante chance ci sono che il campionato finisca – ha confermato Malagò – bisognerebbe avere la palla di vetro. È il vero rischio, l’ho detto già due mesi fa con serenità: in Germania hanno fatto un accordo con i calciatori se le cose non riescono a chiudersi, nel caso italiano l’obiettivo unico è quello di cominciare. È una questione culturale, questa mentalità per ‘partiamo e poi vediamo’ io non ce l’ho”.

Il presidente del Coni: “Quarantena per tutti in caso di positivi? C’è una direttiva”

Giovanni Malagò ha poi affrontato il tema della possibilità di incappare nella necessità di mettere in quarantena tutta la squadra in caso si registrino casi di positività all’interno del gruppo: “Se un atleta positivo va considerato come se fosse un ‘infortunato’ o serve la quarantena per tutti? Il punto è questo. Noi abbiamo recepito una direttiva che indica un percorso di coinvolgimento generale e non di creare una quarantena individuale. Ma questo è un tema che riguarda il CTS, con cui io non ho mai interloquito perché lo deve fare giustamente il governo”.

Non so perché hanno preso questa decisione, mi dicono sia una decisione che possa anche essere rivista, ma non voglio aggiungere considerazioni. Quello che è sicuro è che sono persone serie e che probabilmente, tra una situazione più restrittiva e una più lasca, hanno voluto dare indicazione per tutelare il sistema Paese

Giovanni Malagò
Giovanni Malagò

1 Comment
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
paolo 67 (tabela)
paolo 67 (tabela)
6 mesi fa

Gobbo di me.. a