Tutti i numeri di Rolando Mandragora: Gol, assist, pressing e passaggi decisivi, così ha migliorato il Torino. E per Nicola è insostituibile

Non c’è un solo motivo per cui Davide Nicola ha scelto di mettere Rolando Mandragora al centro del suo Torino. Basti dire, all’inizio, che un centrocampista così, a questa squadra, sarebbe servito sin dalla prima giornata di Serie A. E non solo perché il suo volto festante è una delle copertine possibili per raccontare in immagini la rimonta contro il Sassuolo, cruciale nella corsa salvezza. Da 0-2 a 3-2, lì in mezzo c’è anche la sua firma. Ha infilato il pari, che è pure il suo secondo gol in sei partite da granata (il primo arrivò a Crotone). Ma appunto non basta l’apporto realizzativo per dire del suo impatto. Serve anche altro.

Nicola non può fare a meno di Mandragora

Partendo, ad esempio, dal fatto che nelle sei partite che ha avuto a disposizione da quando Cairo e Vagnati lo hanno portato a Torino nell’ultimo mercato di gennaio non ha perso neanche un minuto. Ne ha messi insieme 540 in tutto, segnati dai due gol di cui sopra e dall’assist con cui ha messo sulla testa di Bremer il pallone della vittoria di Cagliari.

Fa il regista perché quello è il suo ruolo preferito – lo ha anche dichiarato nell’intervista con cui si è presentato ai tifosi -, ma in un Toro povero di qualità ha portato sostanza in fase difensiva e offensiva, oltre alle geometrie. Due dati (li prendiamo da Fbref.com) del match contro il Sassuolo, per spiegare: Mandragora è stato il granata che più di tutti ha portato azioni di pressing – 25 in tutto – e anche quello che ha tirato più volte centrando la porta di Consigli, 3 in totale.

Ma nel grafico c’è l’analisi di altre variabili utili (abbiamo scelto quelle per la fase d’attacco), che spiegano come sono stati fin qui i novanta minuti medi dell’ex Udinese. Oltre a reti, assist, tiri in porta ed expected goals – ovvero la probabilità che un tiro, parametrato secondo un algoritmo, si trasformi in rete -, ci sono tre dati che dimostrano come Mandragora abbia dato una mano a migliorare la manovra granata.

Così sta aiutando il Torino a costruire

In totale ha effettuato 15 passaggi progressivi (dunque 2,5 a partita): si tratta di quei passaggi che spostano il pallone verso la porta di almeno 10 metri rispetto al punto più lontano toccato nei precedenti sei. Insomma, sono i passaggi che permettono a una squadra di guadagnare campo e avvicinare l’area di rigore avversaria: quelli che il Toro, in generale, fa fatica a completare, prediligendo invece uno sterile possesso orizzontale. Anche in questo, il 38 sta dando un contributo utile. I granata, in generale, sono stati per tutta la stagione la squadra che in Serie A ne ha fatti di meno. Rolando sta provando a invertire la rotta.

E infine ci sono shot e goal creating actions (SCA e GCA). Mandragora ha all’attivo 3 GCA, cioè ha partecipato per tre volte in sei partite all’azione che ha portato ad un gol. Ma anche a 10 SCA, ovvero ha messo lo zampino in dieci azioni che hanno portato ad un tiro (sono considerati gli ultimi due contributi offensivi precedenti alla conclusione, siano essi passaggi o dribbling). Insomma, qualità e sostanza. Non è Iniesta ma sa cosa fare con il pallone tra i piedi: e non è poco, in un Torino che sembrava aver dimenticato anche quello.

Rolando Mandragora
Rolando Mandragora
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 19-03-2021


7 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
andrepinga
andrepinga (@andrepinga)
8 mesi fa

Discreto giocatore. Ancora giovane tra l’altro.

tore110
tore110 (@tore110)
8 mesi fa

Per me chi sta facendo male è Lukic , io fossi in Nicola lo proverei assieme a Sanabria e il Gallo sulla 3/4 , lui ha più nelle corde l’inserimento che l’ interdizione e ancor meno l’impostazione . Dello scandaloso Linetti nemmeno parlo più … un ectoplasma . Io non… Leggi il resto »

andrepinga
andrepinga (@andrepinga)
8 mesi fa
Reply to  tore110

lukic non e’ ne carne ne pesce.

tore110
tore110 (@tore110)
8 mesi fa

bel giocatore così come è un bel giocatore Sanabria … qui roVagnati ha lavorato bene

odix77
odix77 (@odix77)
8 mesi fa
Reply to  tore110

diciamo che gianpalo ho chiesto lynetti e rodriguez(oltre ad altri che non sono arrivati avviamente) , nicola ha chiesto sanabria e mandragora……

andrepinga
andrepinga (@andrepinga)
8 mesi fa
Reply to  odix77

esatto

Nazionale, Mancini chiama Mandragora, Sirigu e Belotti

Toro-Lazio, Asl shock: “Mai dato l’ok a Immobile”