Per Napoli-Torino molto dipenderà dalle condizioni di Pobega, ma le prime partite hanno detto che Mandragora, per Juric, non è un titolare imprescindibile

Non esistono amori felici, nulla per l’uomo è mai definitivo. Ivan Juric, forse, ha letto Aragon, perché niente per lui è definitivo e scegliere di mettere in campo questo o quel giocatore è frutto del pragmatismo, non di un cieco amore. Il tecnico stima Rolando Mandragora, vede per lui – come per altri calciatori della sua rosa – un bel futuro, eppure non per forza gli dà una maglia da titolare. Il campano se la gioca di settimana in settimana con due accreditati (e altrettanto stimati) concorrenti: Tommaso Pobega e Sasa Lukic.

“Mandragora più un altro” non è più un assioma

Questo, dicono i fatti. Che ben diversi sono da quelle prime impressioni d’estate: il centrocampo del Torino sarà Mandragora più un altro, si diceva. Non è andata così. Certo, il 38 ha avuto spazio ed è stato anche capitano, in attesa del rientro di Belotti. Ma ad esempio è rimasto fuori dall’undici contro Sassuolo e Venezia, non solo per turn-over ma per scelta. Juric vuole riservarsi di decidere partita per partita chi è il più adatto tra i tre. A Napoli potrebbe essere l’infermeria a indirizzarlo, visto che Pobega ha dovuto fare i conti con un problema ai flessori durante questa sosta, anche se non è detto che non recuperi in tempo.

Juric parlava così delle scelte di formazione

L’Ivan-pensiero lo si legge, chiaro, nella conferenza stampa prima del derby contro la Juventus. Rispondeva così proprio a una domanda su Mandragora: “Quando faccio delle scelte, le faccio su basi tecniche. Quando leggo i giudizi sui giocatori ne trovo spesso che sono diversi dai miei. Io quando faccio una scelta di formazione non è perché vedo uno allenarsi male o bene, ma ho fatto sempre scelte tecniche”. Non esistono amori felici, ma per noi due c’è il nostro amore: da confermare di partita in partita.

Rolando Mandragora
Rolando Mandragora
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 14-10-2021


7 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
toro e basta
toro e basta
4 giorni fa

Le partite molto spesso si giocano ravvicinate e con i 5 cambi a partita Mandragora lo spazio lo trova. Mi preoccuperei se stesse infortunato assieme a Pobega, allora lì sarebbero dolori e dovremmo veder giocare dall’inizio alla fine i soliti noti.

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
4 giorni fa

Ottimo giocatore, quantità e qualità. E infatti gioca sempre, da subito o da primo subentrato o quasi, nella nuova realtà dei 5 cambi. Operazione di mercato fantastica (tra le poche): obbligo di acquisto, ma dopo 3 anni, a meno di 10 milioni, e pagamento dilazionato, se ricordo bene, in più… Leggi il resto »

toro e basta
toro e basta
4 giorni fa

Concordo, aggiungerei inoltre, che è anche grazie a lui e Sanabria, arrivati a gennaio, abbiamo evitato la B.

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
4 giorni fa
Reply to  toro e basta

altrettanto vero

odix77
odix77
4 giorni fa

non preoccuparti madde non comparirà su questo post a confermare che diceva una caz.zata sarà impegnato a partorirne un’altra su un altro post…. vai sereno… adesso penso stia gongolando sul “te lo avevo detto” di pjaca per esempio…

odix77
odix77
4 giorni fa
Reply to  odix77

ecco appunto il suo nuovo cavallo di battaglia è il giocatore della primavera lasciatio andare e futuro messi.

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
4 giorni fa
Reply to  odix77

@madde non si vede
Non viene a dirci che… non è vero?
?

L’agente di Mandragora: “Rolando ha convinto Juric. Offerte dal Napoli? No”

Toro, effetto Juric sull’affluenza allo stadio: i risultati hanno attirato il pubblico