Mihajlovic: "Non rientrava nei miei piani". E Peres si prende la rivincita

Mihajlovic: “Non rientrava nei miei piani”. E Peres si prende la rivincita

di Andrea Piva - 21 Febbraio 2017

Il duello / Bruno Peres vince il duello sulla fascia con Antonio Barreca e cancella la brutta prestazione della partita di andata contro il Toro

Le qualità di Bruno Peres i tifosi del Torino le conosco bene: per due anni hanno potuto apprezzare le sue accelerazioni sulla fascia destra e qualche volta anche su quella sinistra e le sue incursioni nell’area di rigore avversaria. Ora sono i sostenitori della Roma ad ammirare le folate offensive del terzino e lo hanno potuto fare anche domenica sera, proprio nella partita contro il Toro. Il numero 13 giallorosso è stato autore di una buona prestazione e ha vinto il duello sulla propria fascia di competenza con Antonio Barreca.

“Per il modulo con la difesa a quattro non lo vedevo come terzino, non rientrava nei miei piani. Vedevo molto meglio Zappacosta”. Così Sinisa Mihajlovic, alla vigilia di Roma-Torino, ha spiegato la cessione di Bruno Peres la scorsa estate, uno dei big di cui poteva disporre la formazione granata. In effetti, anche con la maglia della Roma, Peres si sta esprimendo al meglio come centrocampista esterno nel 3-4-2-1, mentre nella prima parte di stagione nel ruolo di terzino nel 4-3-3 ha avuto qualche difficoltà in più, come si era visto anche nella partita di andata. Ma quella era un’altra Roma, una squadra ben diversa da quella che negli ultimi mesi sta dando spettacolo un po’ su tutti i campi.

Se domenica, contro il Torino, Peres voleva prendersi una rivincita contro chi non ha creduto in lui, ci è riuscito senza troppo problemi, giocando un’ottima partita soprattutto in fase difensiva. Nei pressi dell’area di rigore granata non lo si è visto molto, ma ha aiutato la propria squadra abbassandosi spesso sulla linea dei difensori, proprio nella posizione di terzino: non è un caso che Ljajic non si sia praticamente mai visto e che pure Barreca abbia avuto tante difficoltà nell’arrivare sul fondo.

33 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)
Gianky1969
3 anni fa

Tra Zappacosta è Peres, sempre meglio il secondo.
Se poi vogliamo sempre supercazzolare sui moduli… e fare le pulci ai limiti di entrambi, avanti.

davidone5
davidone5
3 anni fa

Reputo Mihajlovic un buon da niente sia come allenatore che come programmatore ma questa volta partendo dal principio che sia Peres che zappacosta sono ottimi esterni difensivi nel 4 3 3 zappacosta si trova meglio, il punto è che se un allenatore è capace di fare un solo modulo allora… Leggi il resto »

mick talbot
mick talbot.
3 anni fa

Peres è stato un caso, non troppo straordinario dalle nostre parti, in cui tutti le parti erano d’accordo: il presidente a vendere, il giocatore ad andarsene, il procuratore a fare la cresta, l’allnenatore a disfarsene per farsene comprare un altro. Certo che in un caso così, anche qui dentro, si… Leggi il resto »

davidone5
davidone5
3 anni fa
Reply to  mick talbot.

De silvestri 4,5mln buttati via.

1969RG
1969RG (Io non guardo più la 7 TV)
3 anni fa
Reply to  mick talbot.

Bravo Mick