Sirigu ancora ai box, per Milinkovic-Savic sarà l’occasione per confermarsi dopo la prestazione di Udine: Nicola gli chiede continuità

Dalla Roma alla Roma, un girone dopo è ancora il turno di Milinkovic-Savic. Sembra uno strano gioco de destino: all’andata l’esclusione di Sirigu (quella volta per scelta tecnica di Giampaolo) aveva aperto le porte al portiere serbo proprio in occasione della sfida contro i giallorossi e poi in quella successiva contro il Bologna. Due match nei quali Vanja non era riuscito a fare molto meglio del collega, reduce da un periodo decisamente al di sotto delle aspettative: troppi errori, pochissime certezze date al Toro e ben 4 reti incassate in 2 sfide che hanno fruttato una sconfitta e un pareggio ai granata. Ma il passato è passato ed è inutile rivangare prestazioni certamente non soddisfacenti. Il presente parla di un Milinkovic diverso, come è diverso il Toro. E una buona fetta di merito, ancora una volta, è di Davide Nicola: che sia la “filosofia kaizen” di cui tanto si è parlato nell’ultima settimana o la semplice capacità di motivare i giocatori, anche il numero 32 granata sembra risentire positivamente del cambio tecnico. La prova del nove la si avrà questa sera, quando contro i giallorossi il portiere classe ’97 dovrà dimostrare di aver compreso davvero cosa Nicola si aspetta da lui.

Nicola: “Ci fidiamo di lui”

Con Sirigu ancora ai box, infatti, contro la squadra di Fonseca toccherà ancora a Milinkovic proteggere la porta granata: “Ci fidiamo di lui, sta sfruttando l’assenza di Sirigu e a Udine ha dimostrato che ha grande freddezzaha detto Nicola in conferenza stampa. Il tecnico, dunque, conferma la fiducia al portiere ma non basta: adesso serve una prova di maturità. Sì, perchè se con Giampaolo le poche uscite all’attivo avevano di fatto deluso profondamente, con Nicola l’esperienza con l’Udinese potrebbe aver segnato una svolta. Certo, le sbavature non sono mancate, e quella mezza papera sul tentativo di Molina poteva costare carissimo al Toro, ma di fatto è riuscito dove prima aveva sempre fallito. Per la prima volta, infatti, è riuscito a mantenere inviolata la porta del Toro in campionato (ne abbiamo parlato qui).

Milinkovic-Savic per Sirigu: ancora una partita da titolare

Adesso, però, Milinkovic dovrà dimostrare che l’exploit della settimana scorsa non è stato un semplice caso, e l’avversario non è certo semplice da arginare. Dovrà dimostrare davvero che le gerarchie stabilite da Nicola dopo il suo arrivo in granata sono giuste e fondate. Come? Semplicemente dando continuità alla prestazione senza pretendere di cancellare il passato in una volta sola. Senza cioè, per dirla con le parole di Nicola, “voler strafare, ma solo continuare: credo che debba dimostrare continuità. La sua qualità è la serenità“. Continuare sulla strada tracciata a Udine senza passi falsi: per salvare il Toro servirà ascoltare Nicola.

Vanja Milinkovic-Savic
Vanja Milinkovic-Savic
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 18-04-2021


Sanabria, inizio (quasi) da record: è a un gol da… Falque!

Torino-Roma, duello a tutta fascia: Ansaldi sfida Bruno Peres