Gli uomini di Stojkovic sono arrivati ultimi nel girone con Inghilterra, Danimarca e Slovenia e sono stati eliminati dalla competizione

È durata poco meno di dieci giorni l’avventura di Milinkovic-Savic e Ilic in Germania. La Serbia di Stojkovic è stata infatti eliminata dall’Europeo dopo essersi classificata ultima nel gruppo C. Fatale il pareggio nell’ultima gara contro la Danimarca, che ha inchiodato i serbi a quota 2. Ad accedere alla fase a eliminazione diretta sono state Inghilterra, Danimarca e Slovenia, quest’ultima come una delle migliori terze. Serbia che durante il torneo non è mai riuscita a ottenere una vittoria: oltre al pareggio contro Eriksen e compagni è arrivata una sconfitta contro gli inglesi e un deludente 1-1 contro la Slovenia.

Milinkovic-Savic e Ilic, Europeo insufficiente

Ma come hanno giocato i giocatori del Toro? Per Milinkovic-Savic la domanda nemmeno si pone: il portiere ha passato l’intera manifestazione in panchina. Stojkovic gli ha preferito Rajkovic, estremo difensore del Maiorca. Tanti minuti invece per Ivan Ilic. Un tempo contro l’Inghilterra, in cui non ha fatto grandi cose così come i suoi compagni. Poi il commissario tecnico lo ha tenuto in campo per tutta la gara contro la Slovenia, per poi concedergli circa un’ora contro la Danimarca. Un Europeo che non può dirsi sufficiente nonostante la fiducia che Stojkovic ha riposto in lui. Ora Milinkovic-Savic e Ilic si godranno qualche giorno di vacanza, per poi fare ritorno a Torino e conoscere il nuovo allenatore granata.

Vanja Milinkovic-Savic of Torino FC gestures during the Serie A football match between Torino FC and SSC Napoli.
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 26-06-2024


2 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Yoshimitsu77
17 giorni fa

Con due campioni del genere pensavo vincessero facile la competizione

granatadellabassa
17 giorni fa

Alla fine Ilic è il granata che ha giocato di più (Rodriguez è ormai un ex). E quindi il bilancio è comunque positivo.

Vanoli in visita a Superga | Il VIDEO

Vanoli tra Filadelfia e Superga: così inizia a respirare l’aria del Toro