Il tecnico del Toro incassa il sostegno della sua squadra che tramite Sirigu ammette: “Abbiamo la fortuna di avere un allenatore come Nicola”

Quel cerchio in mezzo al campo, con la squadra a creare un muro attorno a Nicola, alla fine del match contro il Benevento, rivisto poi anche nelle sfide successive, aveva restituito al pubblico e alla squadra granata quel Nicola tutto grinta e cattiveria agonistica che la gente del Toro aveva già conosciuto da giocatore. Un atteggiamento, quello del nuovo tecnico, che qualche barlume di speranza è riuscito ad infonderlo in un ambiente ormai rassegnato ad una stagione che sembra impossibile da raddrizzare. Un atteggiamento che, soprattutto, sembrava fare quasi a pugni con l’immagine del Giampaolo pacato visto fino a qualche giorno prima.

Sirigu: “Dovevamo affrontare meglio certe situazioni”

E a confermarlo, ad un mese ormai dall’arrivo di Nicola, è anche Salvatore Sirigu che dopo il pareggio contro il Genoa ha ammesso che “Dovevamo affrontare meglio, di petto, determinate situazioni quando i risultati non stavano arrivando“. Un ammissione di colpa da parte del gruppo che arriva per bocca di uno dei giocatori più rappresentativi ma anche da uno di quelli che più di tutti sta patendo il crollo del Toro e i tanti errori lo confermano.

L’ammissione di un gruppo che aveva bisogno di una scossa, di qualcuno che gli infondesse la giusta motivazione per affrontare le difficoltà e reagire. Che gli desse non solo dettami tecnici ma soprattutto gli stimoli per continuare a credere in un obiettivo che è e resta complicato. Perchè in fondo è “dura andare al campo e non avere la motivazione giusta o quei risultati che ti danno più serenità“.

La squadra promuove Nicola

E quella scossa Nicola l’ha portata. Le conferme del campo, è vero, ancora latitano, i risultati non sono certo confortanti né tantomeno sufficienti a spingere davvero il Toro ma la prima promozione, quella più importante, il tecnico l’ha incassa proprio dal suo gruppo. Dai suoi ragazzi, quelli in cui ha sempre detto di credere. “Abbiamo la fortuna di avere un allenatore che cerca di trarre il positivo di ogni situazione – ha dichiarato Siriguci fa vedere il mondo con occhi diversi e questo ci aiuta tantissimo ad affrontare il quotidiano“. L’allenatore giusto, dunque, sembra esserci: adesso basta alibi, la conferma deve arrivare anche dal campo.

Belotti
Andrea Belotti e Davide Nicola
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 14-02-2021


29 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
ardi06
ardi06 (@ardi06)
9 mesi fa

Praticamente, fanno un cerchio per far quadrato sulla squadra, forse è questo il problema, le due geometrie non quadrano e così i giocatori confusi non riescono a triangolare un azione quando giocano. Mi ci metto anch’io nel cerchio, mettiamoci tutti, così se giochiamo in sette ottocento mila contro 11 vinciamo… Leggi il resto »

odix77
odix77 (@odix77)
9 mesi fa

e meno male che hanno più motivazioni ora , si è visto in casa con il genoa e zero tiri in porta, pensa se non ne avessero di motivazioni…

antijuve
antijuve (@antijuve)
9 mesi fa

Mi e passata la voglia di tifare, che schifo di squadra

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo) (@foreverg)
9 mesi fa
Reply to  antijuve

A me non passerà mai la voglia.
Nonostante di strazi granata nella mia vita ne abbia passati tanti

Su Zaza l’ombra di Sanabria (e Verdi): ora rischia il posto

Lyanco “paga” il ritorno di Nkoulou: il mercato lo ha penalizzato