Cacciato dopo l’impresa salvezza, contro il Genoa Nicola può prendersi la sua rivincita personale per compiere un altro miracolo

La vendetta, dicono, è un piatto che va servito freddo e nonostante la certezza che, se glielo si chiedesse direttamente, negherebbe ogni cosa, c’è da scommetterci che per Davide Nicola quella contro il Genoa non sarà solo una delle tante imprese che dovrà centrare per salvare il Toro. Perchè diplomazia e professionismo a parte, è indubbio che la fine del rapporto con il Grifone non sia stato certo idilliaco. Non dopo l’ennesima dimostrazione (come se quella con il Crotone non bastasse) delle sue capacità da tecnico ma soprattutto da motivatore. Quelle che servono adesso al Torino, dove sembrano dare i primi frutti, e che sono servite prima ancora allo stesso Genoa.

I miracoli non bastano. Almeno per il Genoa

Al suo arrivo, il 28 dicembre 2019, il Genoa aveva incassato appena 11 punti, navigava in acque da retrocessione ed era già passato dalle mani di Andreazzoli e Thiago Motta. Insomma, per salvarsi serviva un miracolo, esattamente come al Toro di oggi, ed esattamente come i granata, il Grifone chiama chi di miracoli ha già dimostrato di intendersi a dovere. E Nicola l’obiettivo lo centra eccome, portando a casa 8 vittorie, 4 pareggi e 9 sconfitte. Un bottino che permette al Genoa di mantenere la Serie A chiudendo con 4 punti di vantaggio sul Lecce, poi retrocesso. Un risultato che, in altre piazze, avrebbe molto probabilmente portato con sé la conferma del tecnico. Ma non a Genova.

Nicola, una vendetta per salvare anche il Toro

In terra ligure, evidentemente, le cose funzionano in maniera diversa e Preziosi prende atto del lavoro svolto, fa i dovuti complimenti di rito ma poi regala a Nicola solo il benservito affidando la squadra a Maran. Non certo il ringraziamento sperato dall’attuale tecnico granata che domani pomeriggio avrà l’occasione di dimostrare proprio a Preziosi che forse la scelta non è stata propriamente azzeccata.

Una piccola “vendetta”, appunto, che se arrivasse frutterebbe al Torino la prima vittoria casalinga, il primo successo per Nicola e soprattutto tre punti fondamentali in ottica salvezza. Perchè sì, Nicola con i miracoli sembra averci preso gusto ed è quello che serve al Toro. Sperando però che l’epilogo, almeno per quanto riguarda il destino del tecnico, sia lo stesso solo in campo.

Davide Nicola
Davide Nicola
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 12-02-2021


Torino, quanti pareggi con Pasqua arbitro! L’ultimo contro il Bologna all’andata

Errori e papere: ma il Toro non può (e non vuole) fare a meno di Sirigu