Il Torino si gode Pobega, ma non per molto: a fine stagione tornerà al Milan. Tutti i numeri di un centrocampista totale

Non è ancora finita, ma già è un rimpianto: la storia tra Tommaso Pobega e il Torino sarà probabilmente un viaggio bello ma troppo breve. A fine stagione, il centrocampista classe 1999 tornerà al Milan, come da accordi: in estate, infatti, il club granata non è riuscito a strappare nulla più di un prestito secco. E quanti rimpianti. Anche perché, vedendolo a questi livelli, i rossoneri non hanno alcuna intenzione di privarsene. Fin qui, con Juric, è stato un titolare inamovibile e ha messo in fila una serie di prestazioni ad altissimi livelli. Nell’ultima, contro l’Empoli, ha dato fondo al suo repertorio: gol, corsa e sacrificio, senza mollare di un centimetro.

Gol, contrasti, pressing: ecco perché per Juric è intoccabile

A guardare i numeri di Pobega si scopre il motivo per cui non ha dovuto aspettare molto per diventare un pilastro di questa squadra. Innanzitutto, Juric è rimasto colpito dalla sua propensione offensiva: ha segnato già tre gol, fin qui, come Pjaca e Brekalo, che giocano più avanti. D’altronde, Tommy non si fa problemi a tirare: dopo Sanabria, è quello che ci ha provato di più in questo campionato. Diciannove volte, anche qui al pari di Brekalo.

Poi c’è tutto il resto. Lukic, il suo compagno di reparto, è intoccabile per la quantità di passaggi completati (608 il serbo, 372 l’azzurro), ma è da sottolineare la precisione all’84,5%: ne sbaglia pochi, di palloni. Pobega ha le caratteristiche di un leader totale, perché si fa sentire quando c’è da attaccare, ma poi in fase difensiva mena e contrasta come nessuno. Nel Torino nessuno ha vinto più contrasti di lui, in tutto venti, e il suo apporto è prezioso soprattutto nel pressing alto: è il giocatore della rosa che ha portato più pressioni nella trequarti offensiva, utili a recuperare il pallone e a rilanciare l’azione (i dati, fin qui, sono di Fbref). E infine c’è sempre quel dato sui falli commessi: è appaiato a Thorsby della Sampdoria al primo posto di chi ne ha fatti di più in Serie A (41 in tutto). Pobega, per tutto questo, è già un rimpianto.

Tommaso Pobega of Torino FC in action during the Serie A football match between Torino FC and Udinese Calcio.
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 04-12-2021


28 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
ardi06
ardi06
8 mesi fa

Un rimpianto sicuramente, ma di cui non mi sento, in questo caso, di incolpare la società. Il milan ci aveva visto lungo e non ha voluto nemmeno darci il diritto di riscatto. Piuttosto le do la responsabilità di non aver rinnovato il contratto a bremer a tempo debito, quando già… Leggi il resto »

T9
T9
8 mesi fa
Reply to  ardi06

Ma che cazz@ stai dire? Ogni volta che parli fai danno. Bremer ha un contratto che scade al 30 Giugno 2023, fra 19 mesi ed è almeno 6 mesi che parlate di rinnovo. Ma che razio è quella che bisogna rinnovare un contratto 2 anni prima che scada? In piena… Leggi il resto »

ardi06
ardi06
8 mesi fa
Reply to  T9

Si si bm, tranquillo non è colpa tua se lo sei

ardi06
ardi06
8 mesi fa
Reply to  T9

Primo, non ho mai scritto che bremer fosse un bidone, anzi è più di un anno che scrivo che bisogna proporgli un rinnovo, tra l’altro proprio perché come hai scritto tu, e come avevo scritto io ben prima di te, un giocatore di una cosiddetta big vale almeno il doppio… Leggi il resto »

ardi06
ardi06
8 mesi fa
Reply to  ardi06

Oltretutto, senza rinnovo, a giugno mancheranno sei mesi perché si possa accasare altrove a ZERO, oppure fosse veduto in estate con la scadenza di contratto prossima, prenderemo molti meno soldi. Se vuoi provo a farti un disegno, magari capisci meglio

corrado
corrado
8 mesi fa

Quando ho sentito che Pobega sarebbe arrivato in prestito secco ho storto il naso, però bisogna ammettere che questo è l’unico caso in cui la formula del prestito ha senso: il giocatore non sarebbe arrivato altrimenti e ha oggettivamente alzato il livello della squadra. Non guadagneremo soldi dalla sua partenza,… Leggi il resto »

corrado
corrado
8 mesi fa
Reply to  corrado

Anche perché tutti gli altri prestiti secchi che mi ricordo sono stati dei pacchi mostruosi: da Coco e Recoba fino al ragazzino spilungone della Roma che sembrava tiramolla (Sadiq?).

T9
T9
8 mesi fa
Reply to  corrado

Evidentemente non era il prestito secco ad essere sbagliato ma l’oggetto del prestito secco.

P.S. Recoba ha fatto 6 mesi in prestito dall’Inter al Venezia ed è stato più utile di Maradona

T9
T9
8 mesi fa
Reply to  corrado

Non volermene, ma mi tocca correggerti. Uno come Pobega costa oggi 20 milioni. Gli fai un quadriennale e poi, secondo la nuova usanza degli ultimi tempi, se ne va a zero. Ergo ti costa 5 milioni all’anno, ipotizziamo di avere il bilancio in utile e che il costo ti faccia… Leggi il resto »

corrado
corrado
8 mesi fa
Reply to  T9

Una società ben gestita prende i Pobega quando valgono qualche milione, gli fa un contratto di quattro-cinque anni, li fa crescere e li vende se necessario due-tre anni dopo a venti milioni, prima che le loro motivazioni (e prestazioni) inizino a calare, e prima che vadano a scadenza. Non che… Leggi il resto »

T9
T9
8 mesi fa
Reply to  corrado

Quello che stiamo facendo con Bremer, solo che se non ti rinnova tocca venderlo già a Gennaio ’22, 18 mesi prima della scadenza, perchè a Giugno ’22 rischi che non ti rinnovi e ti rimanga un anno a svernare per poi svincolarsi a zero. Ma si può veramente andare avanti… Leggi il resto »

fringomax
fringomax
8 mesi fa

Calciatore eccellente oggi e meraviglioso domani….un vero lusso per noi….ma sarebbe fantastico tenerlo ancora o addirittura acquistarlo

Juric e l’alibi dell’emergenza perenne: almeno un titolare out in 15 partite su 15

Sulle fasce la coperta è sempre corta: tocca di nuovo a Vojvoda e Aina