Giampaolo, dopo la rabbia si aspetta una reazione dal Torino

Giampaolo, tre giorni di rabbia: ora si aspetta una reazione dalla squadra

di Francesco Vittonetto - 4 Novembre 2020

Dopo la Lazio, Giampaolo era furioso e ha messo il gruppo davanti alle sue responsabilità: contro il Genoa si aspetta una reazione dal Torino

“Mi auguro che la squadra sia avvelenata, che non dorma, che abbia voglia di spaccare il mondo”. Marco Giampaolo ha vissuto tutto questo su di sé, fin da quel gol di Caicedo al novantottesimo di Torino-Lazio che l’ha mandato al manicomio. Dopo il fischio finale, l’allenatore non ha voluto nemmeno tornare negli spogliatoi. Si è presentato furente prima ai microfoni di Sky, poi in sala stampa. Ripetendo ossessivamente una parola: follia. Sa, il tecnico che il suo lavoro tattico può fino a un certo punto. Se la squadra “ha la melma nella testa” (per usare un’altra metafora dell’infuocato dopogara), allora i problemi da risolvere sono soprattutto lì. Ed è primariamente il gruppo a dover dimostrare di volerli superare.

Lo sfogo dopo la Lazio per stimolare i giocatori

Ecco perché il tecnico, smaltita ma non troppo la rabbia degli ultimi giorni, si aspetta a Genova una reazione della squadra. Che ha dimostrato di aver introiettato parte del suo pensiero calcistico, ma anche di non aver superato i drammi dell’ultima stagione. “Se non riesci a portare a casa queste partite hai paura di perdere. Ecco, adesso Giampaolo vuole dal Toro la voglia di vincere. Vuole che i suoi giocatori gli dimostrino di poter essere smaliziati e grintosi (“figli di pu**ana”, aveva detto il mister ben più prosaicamente).

Marassi sarà il traguardo volante di una settimana che nella sfida contro il Crotone avrà l’arrivo di tappa. Dopo si faranno i bilanci. L’allenatore è consapevole di giocarsi il futuro nel Toro, ma non ha rinunciato a mettere i calciatori davanti alle proprie responsabilità. C’è anche il loro destino in ballo. E Giampaolo lo ha fatto presente al gruppo per stimolarlo ulteriormente.

Si va a fondo tutti assieme: questo, è il messaggio che Giampaolo ha voluto passare in tre giorni di lavoro furenti. Ha dato poche indicazioni. L’attesa è tutta per il campo (e per il difficile recupero di Belotti). Nulla di più. “Adesso ognuno faccia il suo”. Quanto valga l’orgoglio del Toro, lo si capirà al “Ferraris”.

Marco Giampaolo
Marco Giampaolo, head coach of Torino FC, reacts during the Serie A football match between Torino FC and Cagliari Calcio.

11 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
salacercipersempre
salacercipersempre
20 giorni fa

Poche storie, qualsiasi sia la società e l allenatote sono poi gli undici inbraghette sul prato che determinano il risulatato e son pure pagati molto bene per farlo. Pertamto

salacercipersempre
salacercipersempre
20 giorni fa

…pertanto dimostrino di meritarsi il contratto e il valore che pensano di avere sul mercato e tirino fuori gli attributi. Non c’è un solo ns giocatore (Capitano a parte) che in questo momento si fede che lascia l anima in campo e sputa sangue. Si vede lontano in miglio che… Leggi il resto »

pen-nina
pen-nina
20 giorni fa

quando un allenatore mette sopra tutto il suo modo di giocare e le sue idee, è bene che vada fino in fondo con il suo gioco e le sue idee… se d’un tratto si mette a parlare di grinta, cuore e figli di buona donna diventa ridicolo e si scredita… Leggi il resto »

pen-nina
pen-nina
20 giorni fa
Reply to  pen-nina

quindi, avanti con il gioco che hai in testa e le tue idee, che a fare diverso non sei capace…

bertin
bertin
20 giorni fa
Reply to  pen-nina

Le due cose mica sono in contraddizione. Detto questo mi auguro che arrivino i risultati sulla base del gioco, poi se questo non dovesse accadere temo che si correrà ai ripari nel solito becero modo. Questa sarebbe l’ennesima delusione ascrivibile ad una società incapace di programmare in modo professionale. Quest’anno… Leggi il resto »

Charlie66
Charlie66
20 giorni fa
Reply to  pen-nina

ha detto (e chiesto) che se al 94 butti la palla in tribuna non c’è niente di male, che c’è di sbagliato? ha parlato di “mestiere del calciatore” vedremo chi è in grado di farlo

mas63simo
mas63simo
20 giorni fa

Spero solo che non forzino a giocare Belotti se non è al 100% solo x salvare la panca di Giampaolo di cui non me ne frega un c.a.z.z.o.