Torino-Sampdoria: la conferenza stampa prepartita di Claudio Ranieri

Ranieri: “Non ci voleva che il Toro cambiasse allenatore”

di Andrea Flora - 7 Febbraio 2020

Claudio Ranieri presenta la trasferta di Torino per la sua Sampdoria in cerca di punti salvezza contro la formazione di Longo

Sabato alle 18 sarà la volta di Torino-Sampdoria allo stadio Olimpico Grande Torino, una trasferta difficile ed insidiosa per i blucerchiati di Claudio Ranieri che affronteranno la squadra del neo tecnico granata Moreno Longo e di conseguenza un salto nel vuoto per quel che riguarda la tattica e la disposizione in campo del Torino da parte del nuovo allenatore. Ed è sul cambio in panchina che Ranieri inizia la conferenza: “Non ci voleva che Toro cambiasse allenatore. Già reagiranno. Troveremo un ambiente da Toro. E’ una società che ho sempre stimato per la forza interiore che mettono in campo”. Su coma la Samp affronterà la partita contro i granata invece: “Noi dobbiamo essere determinati per fare un’ottima partita”.

Ranieri: “Quagliarella disponibile per la partita”

L’allenatore della Sampdoria scioglie subito le riserve sui tre giocatori che erano dati in dubbio per la trasferta di Torino: “Quagliarella, Jankto e Ramirez? Sono tutti e tre disponibili quindi sono pronti per la partita”. Sull’inserimento nella rosa dei nuovi arrivati in casa Samp: “La Gumina e Yoshida non possono essere già pronti ma La Gumina conosce le difficoltà del calcio italiano. Yoshida mi sembra un ragazzo molto sveglio”. La Sampdoria subisce tanti gol nei primi minuti, un problema che conosce bene Ranieri: “E’ molto strano perchè io chiedo nei primi minuti di essere determinati. Dobbiamo continuare a lavorare sulla nostra mentalità e sulla nostra intelligenza per capire cosa non quadra ma sicuramente questa prima mezzora dove prendiamo tanti gol non va bene”.

Ranieri: “I ragazzi li vedo sul pezzo, ciò che è extra campo non ci interessa”

La Sampdoria arriva dal ko interno contro il Napoli, una sconfitta che l’allenatore Claudio Ranieri digerisce ma fino ad un certo punto vista la preparazione dei blucerchiati alla partita: “Ho cambiato modulo proprio perché non li vedevo come volevo. Sapevamo tutto del Napoli, le cose che ci avrebbero potuto mettere in difficoltà. Sapevamo che Insigne ci avrebbe potuto mettere in difficoltà e non c’è riuscito. Eravamo concentrati. Nel primo tempo gli esterni uscivano troppo presto, ho dovuto fare delle correzioni nell’intervallo. Ad un certo punto avremmo dovuto accontentarci. Ho fatto vedere dove abbiamo sbagliato sul fallo laterale, lì dovevamo stare in un altra posizione. Stai giocando contro il Napoli, sono quelle piccole cose che si pagano”.

Ranieri: “Dobbiamo trovare punti e fare di necessità virtù”

In vista del match contro il Torino, Ranieri potrebbe anche cambiare modulo alla Sampdoria: “La cosa importante è che sappiano cambiare. Abbiamo visto che col Lecce siamo partiti 4-3-1-2 e sono stato costretto a cambiare in corsa. Mi lascio sempre l’opportunità di poter decidere perché so che i ragazzi o l’uno o l’altro modulo lo sanno fare”. Storicamente la Samp a Torino ha sempre fatto fatica, ma Ranieri a questo non ci vuole pensare: “So perfettamente che la Samp a Torino ha sempre sofferto ma noi dobbiamo trovare punti e fare di necessità virtù”.

più nuovi più vecchi
Notificami
mas63simo
Utente
mas63simo

E ci credo facevamo beneficenza a tutte le ultime grazie al dinosauro che avevamo in panchina.

dai Julian
Utente
dai Julian

…Non ci voleva che il Toro cambiasse allenatore 😁😁😁
Al momento non è effettivamente cambiato nulla, ma non avere più un mister che emanava negatività a 360 gradi è già una piccola gioia

Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)
Utente
Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)

Ha certamente ragione, un incapace come quello non lo troverà più tanto facilmente.
Il cambio è stato una disgrazia per tanti suoi colleghi.