Il tecnico si affida al carisma e all’esperienza dei due difensori e del centrocampista serbo: devono trascinare il Torino contro l’Empoli

Vincere: non è solo un desiderio in vista della partita contro l’Empoli ma è l’imperativo che aleggia nello spogliatoio del Torino. Quelle tre sconfitte consecutive, contro Inter, Sassuolo e Napoli, hanno dato fastidio a tutti, non solamente ai tifosi, e Juric è il primo a voler invertire la rotta e tornare a fare punti: al Filadelfia ha parlato con i suoi giocatori, ha analizzato gli errori commessi e preparato le mosse per far male all’Empoli ma sa bene che non basteranno alcune accortezze tattiche, servirà soprattutto in campo una risposta forte a livello caratteriale ed è per questo che si affiderà al carisma dei suoi leader, giocatori di esperienza come Rodriguez, Djidji e Lukic.

I leader del Torino

A metà agosto, 24 ore dopo lo scoppio del caso Lukic, il difensore svizzero appena nominato capitano, aiutato dal compagno francese, si era caricato sulle spalle la squadra e sul campo era arrivata la risposta a migliore a tutto quanto accaduto nei giorni precedenti. Lo stesso dovrà fare domani dove potrà contare anche sull’aiuto del numero 10, tornato in maniera convinta a far parte del progetto. Rodriguez e Djidji comporranno due terzi della difesa che scenderà in campo contro l’Empoli, in mezzo a loro potrebbe esserci Schuurs che è favorito nel ballottaggio con Buongiorno, Lukic sarà invece regolarmene in mezzo al campo: dalle loro posizioni dovranno dare l’esempio, trascinare i compagni a una prestazione da vero Toro per interrompere la striscia negativa e, inoltre, cancellare i fischi che sono stati colonna sonora del finale dell’ultima partita casalinga.

Ricardo Rodriguez
Ricardo Rodriguez
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 08-10-2022


1 Comment
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
toro e basta
toro e basta
1 mese fa

Per uscire dalla crisi ci vanno i gol!!

Da Ricci a Vojvoda: oggi il test decisivo per l’Empoli

Torino-Empoli è la sfida tra la seconda e la terza squadra più giovane della Serie A