Da subentrante, al Torino, ha fatto solo un gol: ora Sanabria deve adattarsi alla sua nuova dimensione, dopo il ritorno di Belotti

Dal mezzofondo alla velocità c’è un mare. Dosare le energie su mille o tremila metri, gestendo gli attacchi, è cosa ben diversa da sprintare fin dallo sparo su cento metri. Con le dovute proporzioni, anche Antonio Sanabria vivrà un simile cambio di ritmo. Da titolare inamovibile del Torino di Ivan Juric, il paraguaiano si ritroverà a fare la controfigura di Andrea Belotti, che è tornato e in una partita e poco più ha segnato due gol, uno nel derby e l’altro contro il Venezia, poi annullato. Certo, il 19 il posto se lo giocherà, ma il Gallo ha stupito Juric per la voglia con cui è tornato dopo l’infortunio: nonostante l’incertezza sul futuro – andrà in scadenza a fine stagione – il tecnico sembra orientato a puntare deciso su di lui.

Sanabria da subentrante: com’è andata in passato

E quindi a Sanabria toccherà fare il centometrista, ovvero subentrare all’occorrenza per dare la scossa al Toro. Ma come se l’è cavata in passato, da subentrante? Dal 2017 a oggi, conta cinque gol e un assist da sostituto, in più di quaranta spezzoni giocati. Li ha messi a segno con le maglie di Betis e Genoa, ma anche in un’occasione con quella del Toro. Già, perché se nella stagione in corso non si contano reti o passaggi decisivi nelle partite in cui non è stato nell’undici (solo quattro, peraltro), in quella precedente Tonny ha segnato all’esordio della trasferta di Crotone, dove era entrato a partita in corso.

Le prove al Filadelfia: deve dare lo sprint

Quello è stato anche l’ultimo suo contributo da dodicesimo uomo. Anche perché, come detto, con Nicola e con Juric è stato soprattutto un titolare della squadra. Al Filadelfia, Sanabria si sta preparando a dare il massimo in poco tempo. Già a partire dalla partita contro il Cagliari. Che – nota da annoverarsi nelle trascurabili statistiche – si giocherà in casa, lì dove Sanabria segna di più ma non da subentrante: solo uno di quei cinque gol è stato segnato in casa, quando era al Betis, nella sfida contro il Getafe. In più, Tonny dovrà dimostrare di non essere diventato un attaccante “da primo tempo”. In questa stagione, infatti, ha segnato solo un gol su cinque nella ripresa, quello del definitivo 4-0 contro la Fiorentina.

Antonio Sanabria of Torino FC celebrates after scoring a goal during the Serie A football match between Torino FC and US Sassuolo.
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 25-02-2022


4 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Troposfera Granata
Troposfera Granata
3 mesi fa

Io proverei a convertirlo in trequartista.

io
io
3 mesi fa

Leggo che se Belotti non firmasse il Toro per l’anno prossimo punterebbe su uno tra Joao Pedro o Simeone ….non male , se fosse vero !

MondoToro
MondoToro
3 mesi fa

Bel giocatorino, ma troppo leggero per fare reparto e si mangia troppi gol per avere statistiche interessanti. Il Gallo pur nei suoi limiti tecnici, per fisico, personalità e impatto è giocatore di altra categoria.

Torino-Cagliari è anche Juric contro Mazzarri: bilancio negativo per il croato

Juric alla prova del ritorno: col Verona è sempre calato alla distanza