Sirigu-Donnarumma, sfida azzurra in Torino-Milan: in palio l'Europeo

Sirigu, contro Donnarumma per convincere Mancini: Toro-Milan è sfida per la Nazionale

di Francesco Vittonetto - 25 Settembre 2019

Il duello di Torino-Milan / Sfida tra portieri azzurri: Sirigu contro Donnarumma. Il granata deve far cambiare idea a Mancini

A detta di Roberto Mancini, i giochi sono fatti. Sirigu sa quali sono le gerarchie: Donnarumma è il titolare”, ha dichiarato il ct della Nazionale non più tardi di venti giorni fa, quando la sua Italia si apprestava a disputare le sfide di qualificazione al prossimo campionato Europeo contro Armenia e Finlandia. Di mezzo ci sono due variabili: il tempo – Euro 2020 inizierà il 12 giugno prossimo – e il campo. Perché di partite ancora ne mancano un’infinità. E a guardare le ultime due, il duello tra i portieri che si contendono il posto da numero uno in azzurro si preannuncia spettacolare. Contro la Sampdoria, Sirigu ha evitato che il suo Torino imbarcasse acqua, distendendosi in un battito di ciglia per respingere la conclusione ravvicinata di Vieira; Donnarumma, nel derby, ha invece scongiurato la capitolazione precoce del Milan, dapprima sbarrando la strada a Lautaro, poi superandosi sull’acrobazia di D’Ambrosio.

Sirigu-Donnarumma: il faccia a faccia in Torino-Milan

Prossima tappa, la quinta: al “Grande Torino” i due saranno faccia a faccia. Immagine iperbolica, s’intenda, dal momento che nelle normali situazioni di gioco resteranno a poco meno di cento metri di distanza. Ma che vuole restituire lo spirito del duello, sentito, seppur contraddistinto da un grande rispetto reciproco. La posta in palio, d’altronde, è alta. Forse più per il 39 granata, che a 32 anni (33 ne compirà a gennaio) potrebbe avere la grande, e ultima, chance di giocare un grande torneo con i gradi del titolare in Nazionale.

Mancini deve scegliere ancora: Italia in campo a ottobre

Toro-Milan arriverà dopo un avvio di stagione che per entrambi è stato ad altissimi livelli. E sarà il primo di un confronto che terrà ancor più viva la tensione agonistica. Intanto tra il 12 e il 15 ottobre Mancini dovrà scegliere ancora. La sua Italia affronterà infatti Grecia e Liechtenstein. Donnarumma e Sirigu lo sanno: il rossonero resta il super favorito – e lo è stato anche nella passata stagione, quando invece la differenza di prestazioni tra i due pendeva per larghi tratti a favore del granata -, ma il sardo non mollerà. L’obiettivo? Stravolgere le idee del ct.

3 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
ToroTo
ToroTo
10 mesi fa

Non ricordo papere di Sirigu, ne ricordo molte dell’altro…

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
10 mesi fa

nessun duello, nessuna scelta. o meglio mancini l’ha gia fatta e comunicata a tutti, loro due compresi. scelto donnarumma perchè giovane? perchè elemento su cui fondare il futuro? fosse un giocatore di movimento il concetto avrebbe un senso. trattandosi de portiere non è che si debbano modificare schemi per uno… Leggi il resto »

tony polster
tony polster
10 mesi fa

Tranquillo sirigu.potresti anche parare 35 rigori ma NON sarai MAI titolare della nazionale.il fro… mancini preferisce il donna.e okkio che,dopo la preconvocazione di de rossi non arrivi pure quella al buffon’s…