Il Toro non vince ma ritrova Salvatore Sirigu: impotente sul gol di Insigne, contro i partenopei torna a dare segnali positivi dopo le due panchine

A volte fermarsi, riflettere, rifiatare può servire per ritrovare quel barlume di lucidità che può riportare in campo anche Salvatore Sirigu, uno che fino a qualche mese fa sembrava lontanissimo dai problemi dei giocatori “comuni”. Intoccabile, indispensabile tra i pali granata, un supereroe per tifosi e compagni di squadra e di reparto. E invece no: Sirigu è più che umano e nel tracollo del Torino è stato coinvolto anche lui tanto che Giampaolo ha optato per tenerlo in panchina per due partite consecutive. Due turni di stop che, tuttavia, sembrano aver fatto bene al portierone granata, tornato in campo contro il Napoli.

Contro i partenopei segnali di ripresa

Un rientro che sulla carta sarebbe potuto essere disastroso. D’altronde, vista la crisi profonda in casa granata, sarebbe stato molto più facile pensare ad un Torino dominato e annientato da una squadra come il Napoli piuttosto che immaginare una squadra in grado, al contrario, di bloccare la formazione di Gattuso arrivando vicinissima alla seconda vittoria stagionale. Ma il campo parla chiaro e fino al 92′ la partita è il Toro ad averla saldamente tra le mani, con Sirigu fino a quel momento protagonista di una prestazione più che positiva.

Nel primo tempo il Napoli ci prova soprattutto da fuori e i pochi palloni indirizzati verso la porta preoccupano ben poco il portiere granata che non stecca, anzi. Nella ripresa, il numero 39 prima neutralizza in due tempi una pericolosissima punizione di Insigne poi dice di no prima Zielinski e poi a Lozano che in una manciata di minuti tentano il tutto per tutto per agguantare il pareggio. Insomma, restituisce al Toro quel po’ di sicurezza che nelle passate settimane era mancata del tutto. L’unica sbavatura arriva al secondo minuto di recupero quando Insigne mette a rete un pallone spettacolare e totalmente imprendibile per Sirigu. Uno di quei gol sui quali non solo il granata ma qualsiasi portiere potrebbe fare poco o nulla.

Sirigu si ritrova e per il futuro….

Dal San Paolo, dunque, il Toro torna a casa con un punto in tasca, qualche rammarico di troppo e un portiere in più. Un Sirigu che dopo un periodo nero sembra essersi pian piano ritrovato. E che, adesso, può e deve pensare al futuro. Come avevamo raccontato nelle passate settimane, la doppia esclusione in favore di Milinkovic poteva essere letta anche come un’indicazione chiara di mercato. Ma la realtà potrebbe anche essere diversa e a testimoniarlo ci sono anche le parole del suo agente: “Mi ha fatto piacere leggere le parole dell’allenatore, che ha riconosciuto l’impegno e la professionalità di Sirigu. Ogni società, ogni allenatore, ricorre alle proprie risorse e conoscenze per invertire il trend. Va rispettato Giampaolo, quando sarà il momento parleremo di altre cose“.

Salvatore Sirigu
Salvatore Sirigu
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 27-12-2020


2 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
duane
duane (@duane)
11 mesi fa

Bha io tutti sti segnali non li ho visti. Se non ricordo male il napoli non ha fatto molti tiri in porta..ergo attendiamo prima di sbilanciarci. A gennaio potrebbe finire alla roma

Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ).
Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ). (@alberto-fava)
11 mesi fa

Penso che anche Sirigu ci lascerà a fine stagione.
Ma il fatto che rientri nel giro della nazionale, ci sarà favorevole : vorrà giocare impegnandosi sempre al massimo.
Un paio di scivoloni , quelli visti finora ci possono stare.
Tutti i portieri hanno delle flessioni, nessuno escluso.

Verdi, timidi passi avanti: tra Bologna e Napoli segnali di riscatto

Buongiorno ha convinto Giampaolo: il “cuore Toro” scala le gerarchie