Calciomercato Torino / Il centravanti a Firenze è stato lanciato dal 1′ da Juric: “Ha fatto una buona gara, voglio dargli più spazio”

Che nell’attacco del Torino a Firenze ci fosse spazio per Duvan Zapata lo si sapeva, quello che non ci si aspettava era di vedere al suo fianco Pietro Pellegri. Ivan Juric, complice anche un lieve affaticamento muscolare che ha colpito Antonio Sanabria, ha voluto dare fiducia il suo numero 11 lanciando dal primo minuto per la prima volta dopo due mesi (l’ultima da titolare era stata il 28 ottobre a Lecce). Pronti via e Pellegri si è subito fatto vedere con un colpo di testa parato da Terracciano dopo appena una quarantina di secondi. Un buon inizia di partita, poi il calo nella ripresa (come avvenuto per altri suoi compagni di squadra) e al 62′ la scelta di Juric di richiamarlo in panchina per far entrare al suo posto Antonio Sanabria.

Juric: “Il fatto che si è arrabbiato mi va bene”

Non è stato felice di tornare ad accomodarsi in panchina l’attaccante e lo ha fatto capire chiaramente al momento del cambio. Ma nessun caso, anzi, l’esatto contrario: quel fastidio provato da Pellegri quando ha letto il proprio numero di maglia sulla lavagnetta delle sostituzioni può essere letta come un qualcosa di positiva. Una lettura che anche Juric ha dato all’episodio: “Il fatto che si è arrabbiato quando è uscito mi va bene, vuol dire che ha tanta voglia di essere dentro alla squadra”.

Pellegri, tra le sirene di mercato e i desideri di Juric

Ed è proprio da quella rabbia per la sostituzione che Juric vuole ripartire per il futuro. “Pietro ha bisogno di giocare e voglio dargli tanto spazio, in futuro mi aspetto molto da lui”, ha proseguito il tecnico nel post partita, lasciando intendere che non ha intenzione di perdere Pellegri nel mercato di gennaio. Nel mercato, come è noto, non vi sono però certezze e il Genoa continua a seguirlo. All’ipotesi di perderlo Juric non vuole però neanche pensarci, ora è focalizzato su come poterlo sfruttare al meglio, valorizzarlo e riuscire a fargli proseguire quel percorso di crescita che è stato finora troppe volte interrotto da tanta sfortuna e diversi problemi fisici. Contro la Fiorentina l’attaccante non ha giocato una partita memorabile ma qualche segnale positivo è arrivato. Ora Pellegri deve proseguire il proprio cammino.

Pietro Pellegri
Pietro Pellegri
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 30-12-2023


15 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Torino 1967
Torino 1967
1 mese fa

Sarebbe il caso che andasse in tribuna

mas63simo
1 mese fa

Giocatore con un Ego smisurato senza averne il diritto visto che non ha fatto proprio nulla in campo … deleterio in spogliatoio e imbarazzante.

Fandango
Fandango
1 mese fa

Voi avete visto tutta questa gran partita di Pellegri? Poi, non capisco, va a Bologna e cambia il portiere, va a Firenze e cambia l’attaccante, boh…

Fiorentina-Torino, il duello: Arthur-Ilic, è sfida a centrocampo

Senza le punte diventa difficile: ancora nessun gol degli attaccanti in trasferta