Due assist da capitano (per l’assenza di Belotti): Ansaldi si è caricato una volta di più il Torino sulle spalle. Con gentilezza e qualità, si è preso il posto da titolare

Un ragazzo con meno di vent’anni, forse, dirà un giorno ai suoi figli che, per un periodo della sua giovinezza, il calciatore più forte ad aver indossato la maglia del suo Toro è stato un terzino sinistro. Un argentino di Rosario, col 15 sulle spalle, una smodata passione per le finte e la capacità chirurgica di pescare la testa di un compagno in una selva di avversari. Cristian Ansaldi appassiona perché filtra la sua immensa tecnica con il cervello. Attrae perché è fragile, non sai mai per quanto il suo fisico reggerà e allora te lo gusti finché è in campo, consapevole che lui, come te, si godrà ogni attimo vissuto col pallone tra i piedi. Ora ha trentaquattro anni, Cristian, ed è all’inizio della terza stagione in cui si gioca il rinnovo di contratto partita dopo partita.

Da Mazzarri a Juric: ha stregato (quasi) tutti gli allenatori

Dopo aver stregato Mazzarri e Nicola, dopo aver convertito Giampaolo – che nel 4-3-1-2 non lo vedeva, ma nel 3-5-2 non poteva far altro che dargli una maglia da titolare -, ora Ansaldi si è preso il posto anche con Juric. E ci mancherebbe altro. D’altronde ha un tocco di palla che nessuno possiede nella rosa granata, ma soprattutto è devastante nel ruolo di esterno a tutta fascia. Preciso nei cross, puntuale negli inserimenti, e così via. La partita contro la Salernitana è solo un esempio: da capitano, ha messo a segno due assist per i primi due gol.

Ansaldi e quel futuro sempre in bilico che non gli pesa

Da qui in poi, infortuni permettendo, giocherà dal primo minuto spesso e volentieri. Sarebbe solo l’eterno ritorno di una storia già vista: sgomitando con gentilezza, Ansaldi guadagna spazio. Il futuro sempre in bilico non lo ha mai destabilizzato: “Sarò contento se potrò giocare nel Toro fino a 40 anni, ha detto più volte. Finta dopo finta, vuole raggiungere quest’obiettivo.

Cristian Ansaldi
Cristian Ansaldi
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 14-09-2021


6 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
ardi06
ardi06
11 giorni fa

Si potessero impiantare i piedi e il cervello di Ansaldi a Singo e aina avremmo due campioni. Speriamo che quest’ultimi due, ottimi centometristi dal gran fisico, imparino tattica e tecnica con Juric, diventando finalmente giocatori di calcio che riescano a smarcarsi e creare cross in area e pure a coprire… Leggi il resto »

Marchese del Grillo
Marchese del Grillo
11 giorni fa

Che il Signore ce lo preservi! Avercene un altro così…

tore110
tore110
11 giorni fa

Difronte alla bellezza anche i Q.I. limitati come il mio e i grandi imprenditori”dotati” come qualcun’altro che millanta da anni su queste pagine si trovano d’accordo . Ansaldi merita più di chiunque altro di essere il capitano di quel che rimane del Toro , sia moralmente che tecnicamente è il… Leggi il resto »

Davanti alla Juve dopo 3 giornate: non succedeva dal 2015. E quel 4-0…

Brekalo in pressing su Pjaca. Juric: “Presto avrà le sue occasioni”