Torino, a Brescia attento al fattore Grosso: i cambi di tecnici portano bene

Torino, attento al fattore Grosso: il cambio di allenatore porta fortuna alla “prima”

di Andrea Flora - 6 Novembre 2019

Due pareggi negli esordi di Pioli e Ranieri sulle panchine di Milan e Sampdoria, vittorie per Motta e Gotti con Genoa e Udinese

Il Torino sabato pomeriggio sarà di scena allo stadio Rigamonti di Brescia, dove cercherà di tornare alla vittoria per risollevarsi dopo il ko interno contro la Juventus nel derby. La squadra di Walter Mazzarri troverà di fronte una squadra che ha appena cambiato allenatore: dopo il ko di Verona il presidente delle rondinelle, Massimo Cellino, ha esonerato Eugenio Corini e ha ingaggiato Fabio Grosso. Proprio il cambio in panchina potrebbe rendere più complicato il compito del Torino: in questo campionato, infatti, gli allenatori che sono subentrati in corsa non hanno mai perso all’esordio.

Genoa e Udinese subito vincenti con i nuovi allenatori

In Serie A fino a questo momento sono saltate cinque panchine. La prima in ordine di tempo è stata quella di Eusebio Di Francesco alla Roma, poche ore dopo anche Marco Giampaolo è stato sollevato dall’incarico di allenatore del Milan. Poi è arrivato il turno del Genoa che ha esonerato Aurelio Andreazzoli. Infine, l’Udinese ha deciso di interrompere il lavoro di Igor Tudor dopo le due pesanti sconfitte contro Atalanta e Roma (arrivate dopo il successo proprio con il Torino). Infine è giunto il già citato esonero di Eugenio Corini. Nell’ultimo turno di campionato l’Udinese, con Luca Gotti in panchina, ha battuto per 3-1 il Genoa di Thiago Motta, che nella giornata precedente, all’esordio, aveva superato con lo stesso risultato il Brescia.

Per Ranieri e Pioli due pareggi alla prima sulle nuove panchine

Se Thiago Motta e Luca Gotti sono riusciti a vincere alla prima partita ufficiale dopo l’esonero del precedente allenatore, gli altri due nuovi tecnici, Claudio Ranieri e Stefano, Pioli sulle panchine di Sampdoria e Milan hanno ottenuto soltanto un pareggio alla “prima” con le nuove squadre. Ranieri ha bloccato sullo 0-0 la sua Roma, il Milan di Pioli è stato invece fermato dal Lecce sul 2-2 a San Siro. Il Torino di Walter Mazzarri ha adesso il compito di interrompere la striscia positiva dei nuovi alla prima panchina contro il Brescia di Grosso, Tonali e Balotelli, quest’ultimo al centro nelle ultime ore delle cronaca per episodi di razzismo subiti.

più nuovi più vecchi
Notificami
rotor
Utente
rotor

Il Brescia con noi fara’ colpo Grosso,siamo un ente benefico che risolve le crisi di tutti e tra poco saremo tra le ultime tre in classifica.

Pedric
Utente
Pedric

Grosso l’ho visto all”opera con le mer de primavera. E’ un incapace, che trova lavoro in serie A solo grazie alle raccomandazioni ovine. Direi che per battere la cairese basta e avanza.

Denis-Joe
Utente
Denis-Joe

ero già pronto a leggere che era colpa dell’arbitro, della pioggia, dei tifo razzista, dell’invasione delle cavallette. Questa volta è Grosso.
Ci rendiamo conto, vi rendete conto che trovare sempre le scuse è un approccio da perdenti? E siamo al punto che si cercano giustificazioni prima ancora della partita…
#zerotreinoforever