Anche Bremer bussa alla porta di Mazzarri: con il Chievo vuole esserci

di Valentino Della Casa - 28 Settembre 2018

Dopo l’esordio in campionato di Djidji, anche Bremer sogna di giocare la prima da titolare nel Torino. Il brasiliano ha puntato il Chievo Verona

E ora tocca a Bremer? L’esordio di Djidji, per altro non negativo, ha smosso qualche cosa in casa Torino. Cosa, in particolare? La consapevolezza che anche chi è sceso poco in campo abbia potuto assimilare almeno una buona parte dei concetti che Walter Mazzarri vuole vedere applicati. Soprattutto in difesa, il reparto su cui più di tutti l’allenatore ha lavorato in ritiro, tra cambiamento di giocatori e di modulo. E dopo un’estate passata a imparare il più possibile, adesso il brasiliano pensa di poter essere davvero pronto per essere chiamato in causa. L’esordio in Serie A (con la Roma: 11′) e in Coppa Italia (altro spezzone di gara), c’è già stato, ma non può essere considerato davvero rilevante. È il momento di mettersi in gioco davvero, per almeno una partita.

Torino, Bremer scalpita per la maglia da titolare

È, bene o male, questo il pensiero di Bremer. Ma sia chiaro: nessuna polemica, nemmeno un velato accenno. Solo, tanta determinazione e voglia di essere protagonista, dopo aver entusiasticamente accettato la proposta del Torino di trasferirsi in estate alla corte di Mazzarri. Il difensore brasiliano è stato preferito a Djidji contro l’Atalanta, perché il francese era più esperto, e forse più adatto ad affrontare un avversario delicato come quello orobico. Con il Chievo, che tanto semplice da gestire comunque non è, l’ex Atletico Mineiro spera di poter scendere in campo. Mazzarri lo sta tenendo in considerazione proprio pensando a un turnover, magari con Izzo. Ma ancora non ha sciolto le riserve.

Bremer titolare nel Torino? Mazzarri: “Ci vuole tempo”

Certo, risuonano ancora molto forti le parole di Mazzarri prima della partenza per Bergamo. “Ci vuole tempo per inserire i giovani e gli stranieri, soprattutto in difesa, dove i meccanismi sono delicatissimi e l’abbiamo visto“. E Bremer, in effetti, è entrambe le cose: giovane e straniero. Ma nel Toro si allena da oltre due mesi, e pensa di essere pronto. La vede così anche il suo allenatore? Ci vorrà pochissimo per capirlo. Intanto, a scalpitare è anche Lyanco, che deve però ancora tornare in forma. Ma questa è un’altra storia…

più nuovi più vecchi
Notificami
Roberto (RDS 63)
Utente
Roberto (RDS 63)

Veloci con le domande, alle 17 l’espertone smonta dal turno.

GranataDentro
Utente
GranataDentro

Visto nel Toro e in alcuni spezzoni a me il giocatore piace. Ha molto spiccato il senso dell’anticipo e sa usare i piedi da buon brasiliano. Anche io non vedrei male il dare un turno di riposo a Izzo

Valentino
Utente
Valentino

Hai proprio ragione

Roberto (RDS 63)
Utente
Roberto (RDS 63)

E la ragione è dei fessi.

Troposfera Granata
Utente
Troposfera Granata

“Il difensore brasiliano è stato preferito a Djidji contro l’Atalanta”?????????

E’ esattamente il contrario: Djidji è stato preferito a Bremer tant’è che ha giocato per tutto il match. Valentino che cosa scrivi?